NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

Sperimentazione di Nanotecnologie da ISCR per la facciata di Santa Pudenziana

Nell’ambito delle attività del Progetto Europeo Nano-cathedral "Nanomaterials for Conservation of European architectural heritage developed by research on characteristic lithotypes" l’ISCR ha avviato una sperimentazione di consolidanti e protettivi nanometrici sulle superfici architettoniche della facciata della chiesa di Santa Pudenziana a Roma, interessate da fenomeni di degrado dovuti all’esposizione agli agenti atmosferici ed all’inquinamento urbano.

La sperimentazione consisterà in un confronto tra consolidanti e protettivi nanometrici testati nell’ambito del progetto Nano-Cathedral* e altri prodotti tecnologicamente avanzati. Si prevede una fase di intervento in situ su materiali lapidei naturali (pietra serena, travertino e marmo) e artificiali (intonaci, stucchi e dipinti murali) e una in laboratorio su provini. Il cantiere di Santa Pudenziana per le cui attività è stato necessario l’allestimento di un ponteggio per una durata prevista di sette mesi sotto la direzione dei lavori di Bruno Mazzone e con il coordinamento per la sicurezza di Rocco D’Urso rappresenta una rara occasione di confronto e studio sulle caratteristiche peculiari della facciata ottocentesca. La fase di sperimentazione sarà guidata da relatori e docenti della Scuola di Alta Formazione dell’ISCR riuniti in gruppo di lavoro in quanto occasione di tesi di laurea delle allieve Michela Bassi e Laura Mangiapelo della SAF-ISCR.

  • Approfondimento sulle tecniche esecutive e pianificazione dell’intervento di restauro: interventi mirati su aree caratterizzanti dei materiali di cui è composta la facciata con finalità di approfondimento e successiva redazione di un capitolato generale dei lavori di restauro (Carla Giovannone, Luciana Festa)
  • Attività di studio di storia dell’arte e dell’architettura: studio storico artistico consistente sui mutamenti che la facciata ha avuto nel corso dei secoli, sul rapporto tra la facciata ed il resto dell’edificio e tra questa e il contesto urbano.
  • Verranno approfonditi i temi del riuso degli elementi lapidei nel portale e dell’ambito cronologico e stilistico in cui si collocano, dei restauri architettonici coevi alla facciata di S. Pudenziana, delle figure protagoniste del rifacimento del 1870, l’artista Pietro Gagliardi e l’architetto Antonio Manno (Dora Catalano, Bruno Mazzone)
  • documentazione grafica in Cad, fotografica con raccolta ed elaborazione dati in GIS (Angelo Rubino)
  • Indagini scientifiche per lo studio dello stato di conservazione: studio del contenuto d’acqua delle murature della facciata e delle disomogeneità causate da interventi precedenti mediante indagine termografica e indagini multispettrali di C.n.D sulle superfici (Giuseppe Fabretti)
  • monitoraggio microclimatico (Carlo Cacace)
  • indagini colorimetriche sugli affreschi e nella fase di controllo cromatico dei trattamenti consolidanti e protettivi, sperimentati in situ e sui provini (Fabio Aramini)
  • caratterizzazione dei materiali costitutivi e delle forme di degrado (Giancarlo Sidoti, Lucia Conti)
  • caratterizzazione dei biodeteriogeni (Marco Bartolini)

Lo studio sarà svolto in collaborazione con Alessandra Centroni e Morena Costantini della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma.
*Il progetto Nano-Cathedral è un progetto europeo che ha visto la partecipazione dell’ISCR. È stato finanziato con fondi del Programma europeo Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione (grant agreement 646178).

Nella foto in alto e in homepage la facciata della chiesa di Santa Pudenziana a Roma prima dell’allestimento del ponteggio; nella foto piccola accanto al testo la stessa facciata parzialmente nascosta del ponteggio (foto ©ISCR-MiBAC)

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo