NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Sperimentazione di Nanotecnologie da ISCR per la facciata di Santa Pudenziana

Nell’ambito delle attività del Progetto Europeo Nano-cathedral "Nanomaterials for Conservation of European architectural heritage developed by research on characteristic lithotypes" l’ISCR ha avviato una sperimentazione di consolidanti e protettivi nanometrici sulle superfici architettoniche della facciata della chiesa di Santa Pudenziana a Roma, interessate da fenomeni di degrado dovuti all’esposizione agli agenti atmosferici ed all’inquinamento urbano.

La sperimentazione consisterà in un confronto tra consolidanti e protettivi nanometrici testati nell’ambito del progetto Nano-Cathedral* e altri prodotti tecnologicamente avanzati. Si prevede una fase di intervento in situ su materiali lapidei naturali (pietra serena, travertino e marmo) e artificiali (intonaci, stucchi e dipinti murali) e una in laboratorio su provini. Il cantiere di Santa Pudenziana per le cui attività è stato necessario l’allestimento di un ponteggio per una durata prevista di sette mesi sotto la direzione dei lavori di Bruno Mazzone e con il coordinamento per la sicurezza di Rocco D’Urso rappresenta una rara occasione di confronto e studio sulle caratteristiche peculiari della facciata ottocentesca. La fase di sperimentazione sarà guidata da relatori e docenti della Scuola di Alta Formazione dell’ISCR riuniti in gruppo di lavoro in quanto occasione di tesi di laurea delle allieve Michela Bassi e Laura Mangiapelo della SAF-ISCR.

  • Approfondimento sulle tecniche esecutive e pianificazione dell’intervento di restauro: interventi mirati su aree caratterizzanti dei materiali di cui è composta la facciata con finalità di approfondimento e successiva redazione di un capitolato generale dei lavori di restauro (Carla Giovannone, Luciana Festa)
  • Attività di studio di storia dell’arte e dell’architettura: studio storico artistico consistente sui mutamenti che la facciata ha avuto nel corso dei secoli, sul rapporto tra la facciata ed il resto dell’edificio e tra questa e il contesto urbano.
  • Verranno approfonditi i temi del riuso degli elementi lapidei nel portale e dell’ambito cronologico e stilistico in cui si collocano, dei restauri architettonici coevi alla facciata di S. Pudenziana, delle figure protagoniste del rifacimento del 1870, l’artista Pietro Gagliardi e l’architetto Antonio Manno (Dora Catalano, Bruno Mazzone)
  • documentazione grafica in Cad, fotografica con raccolta ed elaborazione dati in GIS (Angelo Rubino)
  • Indagini scientifiche per lo studio dello stato di conservazione: studio del contenuto d’acqua delle murature della facciata e delle disomogeneità causate da interventi precedenti mediante indagine termografica e indagini multispettrali di C.n.D sulle superfici (Giuseppe Fabretti)
  • monitoraggio microclimatico (Carlo Cacace)
  • indagini colorimetriche sugli affreschi e nella fase di controllo cromatico dei trattamenti consolidanti e protettivi, sperimentati in situ e sui provini (Fabio Aramini)
  • caratterizzazione dei materiali costitutivi e delle forme di degrado (Giancarlo Sidoti, Lucia Conti)
  • caratterizzazione dei biodeteriogeni (Marco Bartolini)

Lo studio sarà svolto in collaborazione con Alessandra Centroni e Morena Costantini della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma.
*Il progetto Nano-Cathedral è un progetto europeo che ha visto la partecipazione dell’ISCR. È stato finanziato con fondi del Programma europeo Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione (grant agreement 646178).

Nella foto in alto e in homepage la facciata della chiesa di Santa Pudenziana a Roma prima dell’allestimento del ponteggio; nella foto piccola accanto al testo la stessa facciata parzialmente nascosta del ponteggio (foto ©ISCR-MiBAC)

TFA 2019
TFA 2019
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo