NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

Raggi X e neutroni per i Beni Culturali: i risultati del progetto neu_Art

cronache 4_venariaIl Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale" ha recentemente presentato il volume 4 di Cronache, la Collana editoriale con cui l'Istituto presenta le proprie attività di ricerca e restauro. L'ultimo numero è dedicato al Progetto neu_Art, di cui il CCR è stato promotore insieme all'INFN e al Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Torino.


Il progetto è nato per sviluppare le tecnologie della radiografia digitale e della tomografia computerizzata (TC) per analisi sulla struttura e lo stato di conservazione di opere d’arte impiegando fasci di raggi X e di neutroni.

Il progetto "è stato l'occasione per unire un programma di ricerca fortemente multidisciplinare con la formazione professionale di giovani nei diversi settori, da quello del restauro a quello della fisica".
Il volume sono organizzati in due Sezioni. La prima è dedicata alle tre aree di ricerca sviluppate con il progetto neu_Art: la radiografia digitale e la tomografia computerizzata per opere d'arte di grandi dimensioni, la tecnica del k-edge, l'imaging con neutroni. La seconda parte vede raccolti alcuni significativi casi studio di opere analizzate con indagini radiografiche e tomografiche.

 

Il sommario è disponibile sul sito del Centro.

Approfondimento sul progetto neu_Art

 

Fonte: Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale"

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo