NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 25 Giugno 2015 15:46

Al servizio della memoria le tecnologie multimediali del nuovo Museo dell'Emigrazione Lucana

E' stato presentato lunedì 22 giugno il nuovo allestimento del Museo dell'Emigrazione Lucana - Centro Lucani nel Mondo “Nino Calice”, ospitato dal Castello di Federico II a Lagopesole (PZ). Il nuovo percorso museale con quattro sale espositivi sull'emigrazione lucana, nasce per volontà della Regione Basilicata e della Commissione Regionale dei Lucani nel Mondo ed è stato realizzato da ETT S.p.A.

Partendo dall'esperienza lucana viene raccontata la storia dell’emigrazione Italiana fino alla metà del XX secolo, un insieme di migrazioni che hanno coinvolto circa 29 milioni di italiani e dei quali sono un terzo è ritornato nella patria d'origine.

L’allestimento del nuovo museo ricostruisce e racconta, mediante l'uso di tecnologie multimediali e interattive quali videoproiettori HD, sensori di seduta, schermi multi-touch, le diverse tappe e le modalità del viaggio dei migranti su carri, treni e navi, e il loro approdo in terra straniera, Ellis Island in particolare. Nel Museo sono esposte fotografie, oggetti, lettere, documenti e ricordi che aiutano in questo viaggio nella memoria dell’emigrazione lucana.  

Grazie ad un “passaporto interattivo” il visitatore potrà identificarsi con diversi personaggi della storia dell'emigrazione e scoprire le loro storie, conoscere il loro viaggio. Grazie all'impiego di queste nuove tecnologie è quindi possibile essere accompagnato dentro "un itinerario fisico ed emozionale", nella conoscenza di una pagina importante della storia del nostro paese.

In passato la società ETT aveva già sperimentato l'uso di tali tecnologie in musei dedicati alla storia delle migrazioni verificando la possibilità di utilizzare nuovi strumenti per la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio culturale legati a questi fatti storici capaci di far riviere la storia dei migranti. Casi applicativi sono il percorso interattivo permanente MEM - Memoria E Migrazioni presso il Galata Museo del Mare di Genova e il Museo dell’Emigrazione Marchigiana di Recanati (leggi la news di approfondimento).

 

Per maggiori informazioni: www.museoemigrazionelucana.it

 

Fonte: ETT Spa (www.ettsolutions.com)

 

Ultima modifica il Giovedì, 25 Giugno 2015 15:48

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo