NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Norme per Autori

Norme Redazionali

 

Presentazione della proposta
I contributi vanno trasmessi in formato digitale utilizzando la registrazione al link OJS (Open Journal System) della rivista al seguente indirizzo:

http://www.mediageo.it/ojs/index.php/archeomatica/information/authors

ove si entrerà immediatamente nel processo di accettazione della proposta che verrà in modalità automatica spedita al review e successivamente, se positivo, all'editor per l'assegnazione al volume disponibile.

In casi del tutto eccezionali o solo per problematiche di accesso al sito la proposta editorale può essere inviata per posta elettronica al seguente indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Organizzazione del manoscritto

Nel caso in cui l’articolo superi le due cartelle è preferibile suddividere lo scritto in paragrafi titolati, o in sezioni.
Per “cartella” s’intende, in ogni caso, una media di 2000 battute a pagina, cioè trenta righe di sessantacinque battute circa (spazi e note compresi).
Indicativamente si consiglia di attenersi alle seguenti dimensioni:
- saggi principali : entro le 20.000 battute (10 cartelle circa);
- recensioni: tra le 4.000 e le 12.000 battute (2-6 cartelle circa);
- schede prodotto: tra le 2.000 e le 4.000 battute (1-2 cartelle circa).
Pur non trattandosi di limiti rigidi, è opportuno, nel caso di esigenze sensibilmente diverse, e per tipologie di contributi qui non menzionate, concordare l’ampiezza con la redazione.
Il testo dell’articolo deve essere contenuto nei limiti di battute indicate sopra. Va corredato da almeno 5-6 immagini ma, se il tipo di articolo lo richiede, potranno esserne ammesse di più. Per aiutare il lavoro di conteggio delle battute si può utilizzare la specifica funzione di Word. Nel testo si prega di evitare l’uso del grassetto e della sottolineatura ma si invita ad utilizzare il corsivo per le parole straniere e per i nomi di software e di soluzioni. Da evitarsi le virgolette per singole parole o voci, sostituendole se necessario, col corsivo.
Sono ammessi solo elenchi puntati e numerati.

Formati
Sono accettati i formati file ODF (Open Document Format), DOC (Microsoft Word) o RTF (Rich Text Format).
Non spezzare manualmente le parole col trattino di divisione né usare la  sillabazione automatica.
Poiché i testi vengono sottoposti a procedure automatiche, si prega di digitare correttamente le battute di spazio bianco:
- tra parola e parola un solo spazio;
- tra parola e punteggiatura (virgola, punto, ecc.) nessuno spazio;
- dopo punteggiatura (virgola, punto, ecc.) un solo spazio;
- dopo virgolette e parentesi di apertura e prima di virgolette e parentesi di chiusura nessuno spazio;
- tra apostrofo e parola nessuno spazio;
- per i nomi con doppia iniziale puntata nessuno spazio.
Se si usa Word, si suggerisce di lavorare (e comunque di controllare nel testo a fine lavoro la presenza di eventuali doppi spazi, corsivi accavallati, ecc.) avendo sempre attivo il bottone “mostra/nascondi” (¶).
Scrivere in corsivo soltanto le parole straniere che non sono di uso comune. Per orientarsi si può prendere come riferimento un dizionario italiano recente e scrivere in corsivo soltanto le parole straniere che non sono nomi propri e non sono presenti nel dizionario.
Non usare sottolineatura né grassetto all’interno del testo e delle note.
Il maiuscolo e il maiuscoletto devono essere usati solo dove siano veramente indispensabili.
Scrivere in grassetto i titoli dei paragrafi.
Usare le lettere accentate maiuscole anche se non presenti sulla tastiera del computer (consultare le istruzioni del programma di elaborazione testi utilizzato per scoprire il modo più semplice di inserirle nel testo), quindi scrivere È e non E’.

Titolo
Titolo del testo proposto. Di norma deve essere di circa 40-110 battute (può essere richiesta la modifica per esigenze redazionali)

Sottotitolo
Amplia il contenuto del titolo e introduce alla lettura del testo successivo. Di norma deve essere di circa 350-450 battute (può essere richiesta la modifica per esigenze redazionali)

Paragrafi
Oltre al titolo ed al sottotitolo è ammessa solo la titolazione dei paragrafi; eventuali titoli di sottoparagrafi dovranno essere sostituiti con la spaziatura di una riga di testo.

Note
Sono ammesse limitate note a piè di pagina che risultino necessarie all’effettiva comprensione del testo.

Bibliografia
I riferimenti bibliografici saranno riportati secondo il sistema harvardiano di cui si riportano di seguito le norme principali.

Il sistema harvardiano esclude le note bibliografiche. Nel caso in cui si faccia riferimento a un altro testo (non importa se nel testo principale o in nota) secondo questo sistema si dovrà inserire nel testo principale dell’articolo, fra parentesi tonde, un’indicazione sintetica sul testo a cui si fa riferimento, gli estremi del quale sono riportati soltanto in bibliografia.
Le voci bibliografiche devono essere complete di tutti gli elementi basilari come mostrato nello schema sottostante:

Libri
Cognome N. (anno di edizione tra parentesi tonde) titolo in corsivo. Luogo di edizione: Editore.
Esempio:
Nel testo: (Carlucci 1986)
In Bibliografia: Carlucci R. (1986) Topografia e restituzione territoriale, Roma: DEI


Articoli su periodici
Cognome N. (anno di edizione fra parentesi tonde) titolo in tondo. Titolo/abbreviazione del periodico in corsivo numero dell’annata del periodico (eventuale numero del fascicolo tra parentesi tonde), pagine senza pp..
Esempio: Carlucci R. (2004) Dalla Fotogrammetria alla Radargrammetria. GEOmedia 4, 12-16


Libri digitali in internet
Cognome Autore, iniziale puntata del Nome (Data pubblicazione o copyright e/o data ultima revisione), Titolo, URL (Retrieved: Data di accesso).
Esempio: Halliday, L.L. & Oppenheim, C. (1999), Economic models for the digital library, http://www.ulcoln.ac.uk/services/elib/papers/supporting/IIukoln (Retrieved: 20.05.2000).


Articoli su periodici digitali in internet
Cognome, Iniziale puntata del nome (Data pubblicazione o copyright e/o data ultima revisione) “Titolo articolo”, Titolo periodico, vol. indicazione del volume, n. numero del fascicolo, URL (Retrieved: Data di accesso).
Esempio: Odlyzko, A. (1997), “The economics of electronic journals”, First Monday, vol. 2, n. 8, http://www.firstmonday.uk/issue/issue2_8/odlyzko/index.html (Retrieved: 20.05.2000).

Non si usa mai il maiuscoletto né il maiuscolo per i cognomi e le iniziali degli autori. In bibliografia gli autori successivi al primo sono nella forma Cognome, Iniziale del nome preceduti da virgola mentre l’ultimo è preceduto dalla congiunzione &.

Abstract in lingua inglese
Si richiede in allegato all’articolo un abstract di 600-750 battute in lingua inglese.

Immagini
Le immagini dovranno necessariamente essere fornite in maniera adatta alla stampa, cioè con risoluzione 300 dpi (dots per inch), utilizzando i formati grafici più comuni (JPEG, TIFF, ecc.) Dovranno essere di dimensione pari almeno a quella che si vuole far apparire in stampa (ad esempio per una immagine di 70 mm x 70 mm ci dovrà essere inviato un file di dimensioni 70x70 mm impostato a 300 dpi). Unica eccezione ammissibile sono le catture di schermo per le quali si prega di non provvedere a cambiare i dpi, saranno adattate dal nostro staff grafico. Le immagini dovranno trovare posto in un file esterno a quello del testo, badando che all’interno dell’articolo i richiami alle immagini siano bene in evidenza.
Le immagini dovranno essere accompagnate da eventuali didascalie, compilate in un altro file oppure sotto all’immagine stessa o all’interno del testo dell’articolo, vicino ai richiami alle immagini.
Le Tabelle devono essere fornite in formato Word o Excel.

Nomi autori e riferimenti
E’ indispensabile indicare alla fine del testo i propri riferimenti (nome e cognome, titolo, indirizzo, affiliazione, e-mail).

Parole chiave
Un elenco di 4-5 parole chiave, in italiano, che verranno utilizzate per l’indicizzazione e la soggettazione bibliografica.

Revisione Bozze

È prevista un solo ciclo di revisione delle bozze da effettuarsi su bozza pre-impaginata che verrà inviata agli autori tramite e-mail.

Modifiche redazionali
La redazione si riserva di apportare modifiche redazionali che si rendessero opportune concordando per le vie brevi con gli autori quelle di maggiore rilevanza.

Ritorna alla Home Page

Letto 32561 volte Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32
itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
archeomatica su twitter
Technology for All 2017
Technology for All 2017
http://www.digitalmeetsculture.net

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo