NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 07 Gennaio 2015 14:26

Terreferme Emilia 2012: terza tappa della mostra sul patrimonio culturale dopo il sisma

terreferme terza tappaA due anni e mezzo dal sisma che il 20 e 29 maggio 2012 colpì le terre della “Bassa” padana tra le province di Ferrara, Modena, Bologna e Reggio Emilia ha aperto a Bologna lo scorso 19 dicembre la mostra multimediale ed interattiva “Terreferme. Emilia 2012: il patrimonio culturale oltre il sisma”, un progetto della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna realizzato in collaborazione con Fondazione Telecom Italia per la documentazione degli effetti distruttivi del terremoto sul patrimonio culturale e delle attività svolte per la sua salvaguardia e recupero.

Il progetto che, anche grazie al contributo di Conad, approda oggi in terra emiliana, nasce dalla consapevolezza che l’esperienza professionale maturata dai tecnici e dai funzionari degli Istituti regionali del Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, dovesse trovare un luogo dove confluire per essere valorizzata e condivisa con la comunità scientifica e quindi trasmessa a chi potrebbe trovarsi, un giorno, ad affrontare situazioni di emergenza analoghe. Terreferme ha l’obiettivo di essere “quel luogo”; un laboratorio permanente per la registrazione di dati e informazioni e per lo sviluppo delle migliori pratiche di intervento sui beni culturali colpiti da eventi naturali distruttivi.

La mostra, che si avvale anche della partecipazione di diversi video artisti e fotografi che rendono ancora più ricco di emozioni il racconto, offre al visitatore la possibilità di gestire in modo interattivo e dinamico i contenuti che vengono proposti nelle diverse sezioni e apre nuove frontiere sul versante della documentazione che le tecnologie della comunicazione contemporanea rendono possibile.

E’ lungo questo percorso che il progetto ha incrociato la propria strada con Fondazione Telecom Italia, fortemente impegnata nell’obiettivo di diffondere le nuove tecnologie digitali da impiegare per la salvaguardia del territorio e della sua identità sociale e culturale.

Il progetto ha portato, ad esempio, alla creazione di un vero e proprio geodatabase del patrimonio culturale emiliano-romagnolo che, a partire dai beni colpiti dal sisma, si estende a quelli di tutto il territorio regionale. Il sistema è stato interamente sviluppato con tecnologia open-source e i dati sono quotidianamente aggiornati, arricchiti e messi a disposizione dei cittadini e degli Enti nel portale cartografico online www.patrimonioculturale-er.it. Il sito WEB cartografico (WebGis) consente di visualizzare in modo interattivo il patrimonio architettonico, individuare i beni danneggiati dal sisma, estendere lo sguardo sul resto del territorio, sovrapporre carte e foto aeree, effettuare ricerche, compiere analisi per epoca o per tipologia, accedere a foto e, se si è utenti accreditati, anche alla documentazione amministrativa relativa a ciascun bene.

“Terreferme” non è solo un contenitore di informazioni, ma è un’occasione di sviluppo di nuove pratiche, di nuovo sapere scientifico e nuove competenze professionali. La quasi totalità della documentazione, a partire da quella video, è stata infatti raccolta e post prodotta dal personale del ministero in forza alla Direzione Regionale, un segno di come le risorse del personale interno possono produrre servizi di alto livello tecnico e creativo e, contestualmente, una riduzione dei costi. Dopo il debutto nel maggio del 2014 alla Triennale di Milano e la tappa presso l’Istituto di Cultura Italiano di Minsk in Bielorussia, oggi la mostra “Terreferme”, inserita nelle iniziative della Presidenza Italiana per il Semestre Europeo, viene ospitata nella terra dove tutto ebbe inizio il 20 maggio del 2012.

La mostra è stata inoltre inserita nel programma Art City White Night e proporrà sabato 24 gennaio l’istant film “Tremblement”, a cura di Basmati e del collettivo musicale del conservatorio di Matera MaterElettrica che accompagnerà l’installazione video permanente in mostra sull’ Oratorio Ghisilieri, uno dei monumenti più danneggiati dal terremoto della provincia di Ferrara. Obiettivo finale della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna è trovare un luogo fisico dove il progetto ora in itinere possa trovare casa e diventare un centro studi permanente. A tale proposito, la disponibilità da parte dell’Amministrazione Comunale di Finale Emilia di mettere a disposizione la Rocca, uno dei monumenti-simbolo del terremoto, viene accolta con grande favore e considerata un approdo sicuro che garantirà al centro di operare anche nel futuro con sicura efficacia.

La mostra è aperta fino al 15 febbraio 2015  presso l’ex chiesa di San Mattia in Via Sant’Isaia 14/a, Venerdì e sabato dalle 15 alle 19, domenica dalle 11 alle 19. Giovedì e venerdì mattina solo su appuntamento. Ingresso gratuito .

 

Fonte: Terreferme

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:36

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo