NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Tecnologie in primo piano nel discorso del Ministro Bonisoli al tavolo permanente Mibac – Cei

Nella conferenza “Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione tra presente e futuro”, promossa dall’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI e il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, organizzata al fine di rafforzare la cultura della tutela e la sensibilità nella difesa di uno dei più importanti settori del patrimonio culturale nazionale: quello ecclesiastico, il Ministro Alberto Bonisoli ha posto un forte accento sulle Tecnologie. 

Grazie alla pluralità di visioni, assicurata da illustri relatori provenienti dal mondo ecclesiastico, giudiziario, ministeriale, accademico e operativo, il tema “Beni culturali ecclesiastici, tutela e protezione tra presente e futuro”, è stato declinato in tutte le sue sfaccettature, con particolare focus sulle buone pratiche e le criticità del settore.

“E’ necessario pensare alla tutela del patrimonio culturale italiano come unicum, indipendentemente da chi ne sia direttamente responsabile. Il nostro patrimonio culturale va tutelato ogni qualvolta un evento, che può essere un sisma o un cedimento strutturale o di altra natura - possa arrecare un danno e indipendentemente da chi ne sia il proprietario. E per questo abbiamo deciso di proporre alla Cei l’istituzione di un tavolo di confronto permanente sui Beni culturali ecclesiastici”. Ha così esordito il ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli,alla presenza del presidente della Cei, Sua Eminenza il Cardinale Gualtiero Bassetti, il Vice Comandante dell’Arma dei Carabinieri Generale Riccardo Amato, il Generale di Brigata Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Fabrizio Parrulli, il Segretario Generale del Mibac Giovanni Panebianco  e il Capo di Gabinetto del Mibac Tiziana Coccoluto. 

“Quanto avvenuto lo scorso anno con il crollo del tetto della Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, è stato un segnale molto chiaro. Abbiamo cominciato già a ragionare su questo e siamo pronti a lavorare con la Cei per trasmettere alle nuove generazioni questo straordinario patrimonio culturale” ha proseguito Bonisoli, ricordando alcuni provvedimenti del Governo Conte ed in particolare il piano straordinario di monitoraggio dello stato di conservazione dei beni culturali immobiliari, che include i beni culturali ecclesiastici, contenuto nel decreto Genova, e le risorse stanziate nella Finanziaria per la ricostruzione”.

Bonisoli ha sottolineato l’importanza dell’uso delle nuove tecnologie nell’ambito della conservazione e tutela dei beni culturali.

“Vogliamo avere un approccio proiettato al futuro - ha affermato il ministro - e per questo riteniamo che avvalersi delle nuove tecnologie nell’ambito della conservazione, prevenzione e tutela dei Beni culturali, in modo da renderla più efficace”. 
“L’Italia - ha detto ancora -  quest’anno ha assunto la leadership della task force Copernicus. Si tratta di una grande iniziativa europea che prevede l’utilizzo dell’osservazione satellitare per la conservazione dei beni culturali.

Con dati immediatamente fruibili potremmo intervenire in modo tempestivo e risolvere problemi”.

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo