NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 30 Ottobre 2014 10:33

Nuove applicazioni di realtà aumentata nei siti archeologici di Cipro

ricostruzione-eta-bronzoUna nuova applicazione offrirà uno sguardo alla vita di anitche città più di 3000 anni fa. Alcuni archeologi dell'University of British Columbia (UBC) stanno lavorando tra le rovine dell'isola di Cipro sviluppando una nuova applicazione mobile che consente agli utenti un tour tra le rovine dell'età de Bronzo e osservare ricostruiti gli edifici della città antica.

Puntando il proprio dispositivo mobile in uno scavo archeologico prenderà vita una nuova scena di vita. L'applicazione è considerata come Street View di Google per il passato ormai conosciuta in tutto il mondo con il nome di realtà aumentata.

"L'esperienza di essere in grado di camminare su un sito archeologico e vedere quello che una città antica potesse essere nel suo contesto originale è unico", ha dichiarato il ricercatore Kevin Fisher. "La realtà aumentata è una tecnologia relativamente nuova, ma ha il potenziale per rivoluzionare il modo in cui le persone sperimentano siti archeologici."

Per questo progetto, Fisher, professore presso l'UBC e il Centro Interdisciplinare Graphics (MAGIC), è guidato da un borsista postdottorato Payam Rahmdel. Per ora i ricercatori stanno sviluppando l'applicazione per un solo sito archeologico, ma il progetto potrebbe essere un trampolino di lancio per la creazione di nuovi strumenti per gli archeologi e turisti.

L'applicazione, chiamata KAD-AR, è tra i primi del suo genere e Rahmdel dice che si distingue perché offre agli utenti un'esperienza interattiva utilizzando sia dati visivi e i dati relativi all'ubicazione e GPS.

"Molti musei utilizzano la realtà aumentata per dare ai visitatori esperienze in più come guardare una video intervista su un manufatto o di vedere alcune immagini del luogo", ha detto Rahmdel. "Con la nostra applicazione ci si muove all'interno di una stanza che è in rovina, si vede come era ed averne informazioni aggiuntive. Non ci sono altri strumenti di guardare in questo modo. "

L'applicazione è stata progettata in modo che gli utenti possano camminare intorno al sito archeologico e puntare il proprio dispositivo mobile in qualsiasi direzione per vedere ricostruzioni di rovine, luoghi di caratteristiche sepolte, e avere ulteriori informazioni sui reperti archeologici, come vasi o arte. Il team ha collaborato con nGRAIN, una società con sede a Vancouver specializzata in realtà aumentata, per lavorare alls versione iOS, mentre lo studente universitario di ingegneria Fisica Afshin Haidari sta lavorando alla versione Android.

Prima della tarda età del bronzo l'isola mediterranea di Cipro era per lo più isolata. La gente viveva in una società egualitaria e tutti hanno lavorato per sopravvivere. A differenza dei suoi vicini quali Egitto, Grecia e Mesopotamia, società altamente complesse non si sono sviluppate a Cipro fino a circa 3.700 anni fa.

Dal 1650 al 1100 aC, Cipro è diventata improvvisamente un importante centro di scambi commerciali e fornitore di rame, risorsa richiesta per la realizzazione del bronzo. Diventando più potente emerse una classe d'elite e fu costruita la città di Kalavasos-Ayios Dhimitrios, con nuove abitazioni, tombe ed edifici monumentali.

"Il disegno della città mostra la potenza di queste élite", dice Fisher. "Cerco di ricostruire la città e capire queste relazioni."

"Gran parte del lavoro sul modello 3D è stato completato da foto e mappe del sito da scavi precedenti", dice McLean. "Questa estate ho avuto l'opportunità di lavorare sul sito idi Cipro e ottenere foto e misurazioni più precise. Voglio creare uno sguardo accurato e avvincente nel passato. "

Sia per il laboratorio MAGIC e gli archeologi, questa applicazione è un punto di partenza. La tecnologia può essere riutilizzata e rinnovata per migliorare l'esperienza dei turisti o per la ricerca archeologica.

"Abbiamo in programma di sviluppare ulteriormente l'applicazione in modo che gli archeologi siano in grado di integrare una varietà di dati 3D e visualizzare in un modo che può aiutare a comprendere meglio le relazioni spaziali e temporali tra le cose che trovano", ha detto Fisher.

"Tutto questo migliora la nostra capacità di portare in vita il passato e raccontare la storia, come si viveva in passato e perché siti archeologici sono importanti risorse culturali ed educative."

 

Fonte: Heritage Portal, University of British Columbia

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:35

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo