NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 30 Marzo 2015 16:12

Il tempo e la cura, percorso didattico sulla conservazione e la valorizzazione dei beni culturali

Sensibilizzare i più piccoli ai temi della conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale. Con questo obiettivo è stato pensato il laboratorio “Il tempo e la cura”, rivolto alle ultime classi della scuola primaria dell’Istituto comprensivo Calimera-Martignano, organizzato dal progetto di ricerca In-Culture, in collaborazione con il Parco Turistico Palmieri di Martignano.

Il laboratorio punta a far acquisire una maggiore consapevolezza del valore dei beni materiali e immateriali del piccolo comune della Grecìa Salentina.

Il percorso didattico coinvolge in tutto 20 alunni, che da marzo a maggio saranno introdotti alle tematiche legate al patrimonio culturale.

I quattordici incontri, costruiti “a misura di bambino”, sono stati strutturati a partire dalle attività di studio e ricerca condotte da In-Culture sulla Chiesa di San Francesco, oggetto di un severo attacco biologico e sottoposta a indagini scientifiche per l’individuazione delle cause del degrado.

Gli alunni potranno così approfondire la conoscenza del proprio territorio con particolare attenzione alle relazioni tra fattori umani e fattori ambientali, stimolare le capacità espressive e progettuali, avvicinarsi allo studio dei fenomeni fisico-chimici che si nascondono dietro al degrado dei beni culturali.

I partecipanti saranno coinvolti in attività manuali e creative, giochi di ruolo, giochi teatrali, visite guidate, interviste, nella realizzazione di una “mappa emozionale” e si approcceranno alla scrittura creativa.

Tra i linguaggi utilizzati anche quello filmico, con un operatore impegnato a seguire le attività dei ragazzi, coinvolgendoli direttamente nella produzione di un reportage sull’intero percorso didattico.

Gli alunni avranno inoltre l’opportunità di ripensare lo spazio antistante la Chiesa di San Francesco, largo Calvario, attraverso la produzione di disegni e tavole mappali elaborate sul concetto di “mondo che vorrei”. L’obiettivo finale è anche quello di mettere in rete il bene oggetto di studio con il restante patrimonio martignanese.

 

Fonte: In-Cul.Tu.Re. www.inculture.eu 

 

Ultima modifica il Lunedì, 30 Marzo 2015 16:30

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo