NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 07 Luglio 2016 11:40

Sistemi interattivi e digitali per la restituzione e tutela del patrimonio culturale, ancora aperte le iscrizioni al Master

Sono ancora aperte le iscrizioni al Master di II Livello che l'Università IUAV di Venezia organizza per il prossimo anno accademio. MI-HERITAGE è il Master in interactive and digital systems for cultural heritage - Sistemi interattivi e digitali per la restituzione e tutela del patrimonio culturale.

Il progetto formativo proposto da MI-HERITAGE intende rispondere alle urgenti necessità del patrimonio culturale del nostro paese. I monumenti storici non sono soltanto un'eredità del passato, ma un tesoro di forme, saperi e memorie identitarie che continuano a vivere nella contemporaneità, e che come tali vanno preservati e valorizzati. Ci si avvarrà di protocolli operativi e strumenti tecnologici in continua evoluzione, e soprattutto di professionisti in grado di servirsene nel modo migliore.
MI-HERITAGE nasce dalla volontà disegnare figure professionali capaci di intervenire attivamente nei processi di tutela e valorizzazione del patrimonio architettonico, archeologico e figurativo, seguendo una filosofia orientata a combinare conoscenze teoriche, abilità tecniche e competenze specifiche nell'utilizzo dei sistemi digitali e interattivi più avanzati.

MI-HERITAGE ha come obiettivo la formazione di figure professionali capaci di impiegare in modo critico le più avanzate tecnologie finalizzate alla lettura, al rilievo, alla digitalizzazione, alla tutela e alla valorizzazione degli apparati architettonici e figurativi di elevato interesse storico-artistico. Il progetto didattico è strutturato a partire dalla consapevolezza che è ormai sempre più necessario tenere insieme competenze un tempo considerate lontane fra loro, coniugando saperi, metodologie e capacità operative nel settore delle tecnologie digitali.

Al termine del Master lo studente sarà in grado di gestire:
- le fasi del rilievo digitale del manufatto
- la sua archiviazione tramite un modello tridimensionale opportunamente elaborato secondo i protocolli più diffusi per le ICT
- la realizzazione delle eventuali integrazioni delle sue parti mancanti sia digitalmente che mediante tecnologie CAD-CAM
- la sua valorizzazione critica tramite tecnologie immersive (3DMapping, Micromapping, Realtà Virtuale, Realtà Aumentata, Ologrammi, Riprese 360)

Oltre alle lezioni teoriche e alle esercitazioni necessarie a familiarizzare con algoritmi, procedure e metodologie legate alle nuove tecnologie, avranno un ruolo fondamentale gli interventi di docenti e relatori altamente qualificati – restauratori, archeologi, soprintendenti, storici, antichisti, esperti nella lettura iconologica e iconografica, professionisti nel settore della multimedialità – che forniranno le conoscenze di base proprie delle loro competenze, e con i quali gli studenti saranno chiamati a interagire professionalmente, già a partire dall'esperienza di tirocinio.
Lo studente potrà contare sull’esperienza di un corpo docente selezionato su una doppia caratura, umanistica e tecnica, scientifica e professionale, come è certificato dalla pertinenza dei rispettivi curricula. Perciò lo studente avrà l'opportunità di acquisire le competenze teoriche e metodologiche indispensabili per indirizzare l'applicazione pratica. Il Master garantirà la possibilità di acquisire e affinare le conoscenze scientifiche adeguate e di applicarle in tempo reale a manufatti di grandissimo interesse e pregio in un contesto di eccellenza – la città di Venezia – luogo ideale nel quale sperimentare e mettere in pratica le metodologie acquisite.

A chi si rivolge
MI-HERITAGE si rivolge a laureati, liberi professionisti, personale di aziende o di pubbliche amministrazioni e/o enti – sia pubblici che privati – attivi nell’ambito della tutela, conservazione, valorizzazione e promozione del patrimonio culturale architettonico e archeologico.
Il Master privilegerà le figure provenienti dagli ambiti dell’architettura, dell’archeologia, della conservazione dei beni culturali, della storia dell’arte, del restauro, della cura museale, della curatela espositiva espositiva e, più in generale, da tutte le realtà legata ai temi della tutela e della promozione del patrimonio, comprese quelle figure collaterali che comunque orbitano intorno ai temi della fruizione, come quelle legate al settore dell’organizzazione eventi, del marketing e della comunicazione culturale in senso lato.

Sbocchi occupazionali
Come sbocchi occupazionali il Master mira alla formazione di una figura professionalmente competitiva rispetto ai principali trend europei e internazionali. Le esperienze formative offerte dal Master avranno infatti come obiettivo la formazione di un know how flessibile e ben strutturato, che permetterà agli iscritti di coniugare le competenze teoriche e il rigore scientifico necessariamente richiesti agli operatori di settore con eccellenti skills nell’uso delle più moderne tecnologie per il rilievo, la digitalizzazione e la valorizzazione innovativa e immersiva del patrimonio.

Nello specifico tali figure potranno:
- Collaborare con realtà aziendali e imprenditoriali, studi, fondazioni e istituti accademici seguendo operativamente tutte le fasi – sia gestionali che produttive – previste dal workflow di digitalizzazione e valorizzazione del patrimonio, andando dal rilievo digitale del manufatto, alla sua archiviazione tramite un
modello tridimensionale opportunamente elaborato secondo i protocolli più diffusi per le ICT, alla sua riproposizione attraverso soluzioni tecnologiche e strategie comunicative basate sull’immersive technology (3dmapping, micromapping, video 360, VR, AR, ologrammi).
- Operare come consulenti e/o collaboratori a supporto degli enti pubblici preposti alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio (Unesco, Ministero, Soprintendenza, etc.), di realtà scientifiche di settore o di altri soggetti anche operativi comunque legati all’ambito della salvaguardia (Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, e simili).
- Fornire ad aziende, studi, campagne di scavo ed enti di settore servizi puntuali di digitalizzazione del patrimonio, impiegando in modo critico le più avanzate tecnologie usate nei processi di acquisizione, restituzione e fruizione virtuale dei beni architettonici e archeologici e piegandoli alle esigenze delle singole commesse.
- Collaborare all’interno di progetti di restauro, di recupero e di conservazione come esperti di rilievo e modellazione, svolgendo un ruolo chiave in tutta la fase di rilievo e digitalizzazione del bene e contribuendo alla generazione di database e di schedature digitali dell’esistente – dal fabbricato allo scavo, dall’apparato
decorativo al singolo manufatto – utilizzabili sia ai fini del restauro e della tutela che, in seconda battuta, a quelli della valorizzazione.
- Intervenire – come producer, consulenti oppure project manager – negli ambiti della valorizzazione, della fruizione allargata e della spettacolarizzazione del patrimonio, lavorando con enti, fondazioni, aziende e agenzie di comunicazione attive nell’ambito della promozione culturale e del turismo e marketing digitale.


Organizzazione della Didattica:
Durata: annuale (ottobre 2016/luglio 2017)
Crediti: 60 CFU – 4 moduli da 15 crediti
Numero di ore previste per le attività didattiche organizzate: 1500 ore di didattica divise in 420 ore di didattica frontale e 1080 di studio individuale

Attività didattiche:

Didattica frontale: Il 40% delle ore previste nel Master sono dedicate a lezioni frontali e laboratori che si tengono presso la sede dell’Università Iuav di Venezia, incentrate su cinque percorsi principali:
1. Lettura storico/critica dei sistemi di dettaglio architettonico
2. Rilievo strumentale ed elaborazione e ottimizzazione dei dati acquisiti
3. Sistemi digitali per l’analisi e mappatura del degrado e per la catalogazione
4. Tecniche di reverse engineering
5. Immersive Media

Esercitazioni e workshop intermedi: Le varie nozioni teoriche e pratiche acquisite durante le lezioni frontali e nei laboratori sono messe in pratica attraverso esercitazioni e prove in itinere – guidate dai docenti interni – e workshop di media o lunga durata tenuti da docenti esterni di alto profilo scientifico provenienti da diverse Università e enti di ricerca, italiani e esteri, e da professionisti del settore invitati durante l’intero percorso del Master.

Stage presso Istituzioni pubbliche e private e aziende del settore: Gli studenti avranno l'opportunità di essere accompagnati in visite guidate presso alcuni cantieri, Istituzioni pubbliche e private e aziende del settore partner del Master per conoscere da vicino il lavoro e fare esperienza su casi reali. Questi incontri offriranno l’occasione per interloquire direttamente con i professionisti riguardo gli aspetti metodologici e pratici relativi ai temi del Master.

Workshop finale e Tesi: L'elaborato finale di tesi, il cui tema verrà concordato con il comitato scientifico, dovrà mettere in pratica il ventaglio di competenze acquisite durante le lezioni, i laboratori e gli stage del Master. Più nel dettaglio verrà scelto un manufatto di pregio storico-artistico che sarà oggetto di analisi, diagnosi e prognosi sia dal punto di vista teorico che pratico operativo; l'obiettivo finale è la messa a punto di un progetto specifico per lo studio e la valorizzazione
del manufatto (ad esempio la realizzazione di un suo clone digitale o istallazioni 'immersive' per ricreare sul posto configurazioni e assetti storici perduti).

Sarà possibile conoscere il Master durante l'Open Day sulle offerte formative pos-laurea adello Iuav in programma il 23 Giugno 2016.


Responsabile scientifico: Giuseppe D’Acunto
Docenti interni: Alessio Bortot, Francesco Bergamo, Cristian Boscaro, Monica Centanni, Massimiliano Ciammaichella, Giuseppe D’Acunto, Alessandra Ferrighi, Andrea Gion, Fulvio Lenzo, Mario Piana.
Docenti esterni invitati: Salvatore Settis, Massimo Osanna (Soprintendente agli Scavi Archeologici di Pompei), Sofia Pescarin (CNR/ITABC- Roma), Renato Saleri (Ecole Nationale Supérieur Lyon), José Calvo López (Universidad Politécnica de Cartagena) Mick Odelli (Drawlight, Padova), Andreas Makars, Damiana Lucia Paternò, Francesca Salatin,

Enti Partner: IUAV – Laboratorio di Supporto al Progetto (LAR) – Centro Studi ClassicA – Laboratorio di Analisi dei Materiali Antichi (LAMA) – Laboratorio Fotografico; Ecole Nationale Supérieur Lyon – Laboratoire MAP-Aria (UMR 3495 CNRS/MCC); Modèles et Simulations pour l'Architecture et le Patrimoine; Unesco Venice;, Digitarca (Bari); Piscan (Bergamo); Arc-Team (Trento); Drawlight S.r.l.; Senso S.r.l.; Marmotech Verona; Laica Geosystems Spa; Desamanera; Si.Mi.Tecno; UnoArte


Ulteriori informazioni sul sito web: www.mi-heritage.org
Pagina Facebook: www.facebook.com/MIHeritage

Per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Fonte: IUAV

Ultima modifica il Venerdì, 15 Luglio 2016 10:42

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo