NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 24 Giugno 2016 12:13

Prima Laurea in Italia in Restauro di strumenti musicali e scientifici e Master in ingegneria acustica

Lunedì 20 giugno 2016 presso l’Auditorium “Giovanni Arvedi” del Museo del Violino di Cremona è stata presentata la prima Laurea in Italia in Conservazione e Restauro dei Beni culturali dedicata agli Strumenti musicali, Strumentazioni e strumenti scientifici e tecnici, che partirà al Dipartimento di Musicologia dell'Università di Pavia nell'Anno Accademico 2016/2017 e il Master of Science in Computer Engineering - Musical Acoustics in avvio nella sede cremonese del Politecnico di Milano. Si tratta di importanti novità formative nell’ambito del Distretto Culturale finanziato da Fondazione Cariplo.

Il percorso formativo sul restauro di strumenti musicali e scientifici nasce da una serie di circostanze prime fra tutte la presenza a Cremona del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia che è stata la prima sede universitaria italiana ad accendere un corso di Storia degli strumenti musicali, a cui nel tempo si sono aggiunti anche i corsi di Conservazione e restauro degli strumenti musicali e di Iconografia musicale.

Già nel 1999 Cremona era stata scelta come sede del Centro Nazionale per il Restauro e la Conservazione degli strumenti musicali, secondo un accordo di programma tra Ministero Beni e Attività Culturali, Regione Lombardia, Provincia e Comune di Cremona. Il progetto non ebbe poi seguito, ma è rimasta evidente una chiara identificazione da parte del MiBACT della sede di Cremona come la più idonea ad ospitare le attività relative al restauro degli strumenti musicali.
Inoltre nel 2013 a Cremona è stato inaugurato il Museo del Violino, che ospita diverse collezioni di strumenti ad arco di grandissimo interesse e di diversa provenienza. Il Museo ospita inoltre la preziosa e rara raccolta di strumenti tecnici della bottega stradivariana.
Nel museo hanno sede due laboratori di ricerca mirata agli strumenti musicali che fanno capo all’Università di Pavia (Laboratorio Arvedi di Diagnostica non invasiva) e al Politecnico di Milano (Laboratorio di Acustica Musicale). Presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell’ambiente dell’università di Pavia ha sede un secondo Laboratorio Arvedi, per analisi diagnostiche invasive.
Il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali è inserito nel Centro interdipartimentale di studi e ricerche per la conservazione dei beni culturali – CISRiC. Il Centro promuove studi e ricerche interdisciplinari su Beni Culturali mobili, immobili e superfici decorate.

Inoltre, Presso il Dipartimento di Fisica “Alessandro Volta” sono conservate numerose apparecchiature, le più antiche delle quali risalgono ai primi anni del XX secolo. Presso il Dipartimento di Chimica si conservano strumenti di analisi, vetreria, reagenti e materiale di documentazione. Altri oggetti di interesse museale sono conservati presso il Centro Grandi Strumenti. Inoltre il Museo di Storia Naturale costituito a scopo didattico da Lazzaro Spallanzani nel 1771 e che già nel 1780 contava oltre 24.000 esemplari tra beni mineralogici, zoologici e di anatomia comparata, nonché una ricca dotazione di strumenti scientifici. Infine il sistema museale d’Ateneo comprende numerose collezioni, tra cui la preziosa collezione di strumenti musicali del Dipartimento di Musicologia e Beni culturali che ha sede a Cremona.

La laurea magistrale in Conservazione e Restauro appartiene alla classe delle lauree a ciclo unico LMR02, e unisce la formazione di base storica, scientifica e tecnica alla formazione pratica.
Il corso è attivato a Cremona dal Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia, con la collaborazione dei Dipartimenti di Chimica, Fisica, Ingegneria Civile e Architettura, Scienze Economiche e Aziendali, Scienze della Terra e dell’Ambiente, con i Laboratori Arvedi (Pavia e Cremona), il CISRiC dell’Università degli Studi di Pavia e in convenzione con: Politecnico di Milano – Scuola di Ingegneria Industriale e dell’informazione, Cr.Forma – Azienza Speciale servizi di Formazione della Provincia di Cremona, Scuola Internazionale di Liuteria, Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari, Comune di Cremona. Il progetto si è sviluppato in seno al Distretto culturale di Cremona finanziato da Fondazione Cariplo. Il corso appartiene alla classe LMR/02 delle lauree magistrali a ciclo unico di cui al DM 2 marzo 2011 ed ha durata quinquennale; è a numero programmato e a frequenza obbligatoria.
Il Percorso Formativo Professionalizzante attivato è il n° 6 – Strumenti musicali; strumentazioni e strumenti scientifici e tecnici; saranno ammessi 5 studenti per ciascuna annualità.
Il Corso forma il Restauratore di Beni Culturali e abilita alla professione di Restauratore di Beni Culturali.
Mira a una formazione ampia e strutturata della figura del restauratore, coniugando solide competenze culturali in ambito umanistico e scientifico con lo sviluppo dell’abilità manuale e con la consapevolezza dei problemi di ordine etico e deontologico che investono l’ambito della conservazione e restauro dei beni culturali.

All'evento di presentazione hanno partecipato il Ministro dell'Università, dell'Istruzione e della Ricerca STefania Giannini, Giuseppe Guzzetti, Presidente della Fondazione Cariplo,  Giovanni Arvedi, Presidente della Fondazione Arvedi-Buschini, Fabio Rugge, Rettore dell’Università degli Studi di Pavia, Giovanni Azzone, Rettore del Politecnico di Milano.

 

Fonte: Laboratorio Arvedi del Museo del Violino di Cremona

Ultima modifica il Venerdì, 24 Giugno 2016 12:24

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo