NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 27 Aprile 2017 05:09

Corso di formazione sui Sistemi Informativi Geografici per i beni culturali

Redazione Archeomatica

Il Corso GIS base: Sistemi Informativi Geografici per i beni culturali sarà tenuto dall’Istituto per i beni archeologici e Monumentali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IBAM - CNR).

I Sistemi Informativi Geografici rappresentano oggi un indispensabile e imprescindibile strumento, a supporto di differenti ambiti dell’attività umana: dallo studio e dalla ricerca scientifica, alla pianificazione e amministrazione; dalla tutela e dalla valorizzazione culturale al marketing territoriale.

Oggetto di un continuo sviluppo tecnologico, che impone di orientarsi fra molteplici applicativi oggi disponibili sul mercato, la creazione o il semplice l’utilizzo di un Sistema Informativo Geografico, richiede delle conoscenze, che non possono ridursi al solo utilizzo di uno specifico software, ma si estendono a delle nozioni teoriche, sia di ordine generale (dalla geodesia al rilievo topografico), sia relative allo specifico ambito di applicazione.

Solo dall’unione di conoscenze teoriche e competenze pratiche è possibile utilizzare un Sistema Informativo Geografico per ottenere specifiche risposte a ben determinate domande, rivolte a dati e informazioni a partire dalla loro collocazione spaziale.


Obiettivi
Il corso si prefigge un duplice obiettivo:

- Guidare all’apprendimento dei concetti teorici e procedurali di base necessari per la realizzazione di un Sistema Informativo Geografico;
- Fornire le conoscenze necessarie per la gestione e l’analisi di dati territoriali inerenti il patrimonio culturale.

A chi è rivolto
Il corso è rivolto a professionisti, tecnici di Pubbliche Amministrazioni, studenti universitari, ricercatori, insegnanti e in generale a tutti coloro che hanno intenzione di ampliare le proprie conoscenze in fatto di gestione e analisi di dati geografici finalizzati al patrimonio culturale.

Livello e requisiti di accesso
Per la partecipazione è richiesta solamente la conoscenza di base del sistema operativo (Microsoft Windows, Mac OS, Linux) e della gestione di file e cartelle.

Vantaggi del corso
Un corso pratico di formazione di 3 giorni (24 ore) con docenti esperti;
Materiale didattico in formato digitale (dataset cartografici, documentazione specifica sul software usato e sulle tematiche affrontate);
Crediti formativi per professionisti;
Attestato di partecipazione rilasciato dal Direttore dell’Istituto Cnr organizzatore.

Crediti formativi
L’attestato di frequenza può dar diritto al riconoscimento di Crediti Formativi Universitari (CFU).

Coordinatore scientifico
Mazzaglia Antonino: Archeologo classico. Esperto di Sistemi Informativi Territoriali e di tecnologie applicate ai beni culturali. Dottorando di ricerca in studi sul patrimonio culturale presso l’Università degli Studi di Catania, condotto in partnership con l’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali del Consiglio Nazionale delle Ricerche. E’ responsabile della struttura dati e della piattaforma GIS nell’ambito del progetto OpenCiTy e coordina team di ricercatori, tecnologi e tecnici impegnati nel progetto OpenCiTy e a Pompei nell’ambito del Pompeii Sustainable Preservation Project.

Sede e durata del Corso
Catania, Aula seminari del Polo regionale di Catania per i siti culturali e Aula seminari dell’IBAM – CNR
3 giorni consecutivi (24 ore complessive)
Orario: 9.00-13.00 / 14.00-18.00

Costi e riduzioni
Il costo del corso è di euro 280,00 + IVA.
Gli iscritti a ordini ed associazioni professionali (Legge 4 del 14 gennaio 2013) hanno diritto ad uno sconto del 15% sul costo complessivo.

Per il programma completo del corso e le modalità di iscrizione visita: http://archeologos.ibam.cnr.it/corso-gis-base/

Fonte: Ibam-Cnr

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo