NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 28 Aprile 2014 09:55

Corsi di formazione La plastica nell'arte per l'arte 2014-2015

plasticanellarte 2014La Fondazione Plart organizza per l'anno 2014-2015 i Corsi Internazionali di Formazione Interdisciplinari "La Plastica nell'Arte e per l'arte" dedicato alla conoscenza dei materiali polimerici di base e di restauro per i Beni Culturali.

Tutti i materiali che costituiscono i Beni Culturali subiscono processi di alterazione e degrado (fisici, chimici e biologici) la cui cinetica e tipologia sono fortemente dipendenti dalla natura dei componenti costitutivi e dalle caratteristiche dell’ambiente circostante (sostanze chimiche inquinanti, umidità, sali, escursioni termiche, sollecitazioni meccaniche). A partire dalla Plastic revolution artisti e designer hanno utilizzato le plastiche per la realizzazione di manufatti caratterizzati da un elevato valore artistico in sostituzione di materiali naturali e più tradizionali. A seguito di ciò un numero sempre maggiore di oggetti in plastica sono entrati a far parte di collezioni private e pubbliche dedicate all’arte moderna e contemporanea. Questo processo ha evidenziato – vista la natura organica dei materiali plastici, la loro limitata resistenza al degrado e la loro specificità comportamentale – la necessità di provvedere alla identificazione di procedure di conservazione, di protezione e restauro diverse da quelle utilizzate per gli oggetti in materiali più tradizionali.

 

OBIETTIVI DEL PERCORSO FORMATIVO
Il percorso formativo nel suo insieme si propone di fornire:
- Le nozioni della chimica macromolecolare e della scienza dei materiali polimerici con particolare riferimento ai sistemi che in generale trovano applicazione nella realizzazione di opere d’arte e nella conservazione dei Beni Culturali;
- Le conoscenze di base circa i meccanismi di degrado dei materiali polimerici costituenti i Beni Culturali;
- Gli elementi fondamentali di analisi chimica strumentale necessari per un’appropriata diagnostica finalizzata sia alla caratterizzazione molecolare e strutturale dei polimeri che ai loro processi di degrado, intrinseci ed esterni.
- Gli elementi essenziali per l’esecuzione pratica di procedure di pulitura, stabilizzazione, consolidamento e protezione di alcune famiglie di plastiche i cui manufatti mostrano particolari criticità.
- Le conoscenze necessarie a valutare l’efficacia delle procedure dirette di manutenzione, consolidamento, stabilizzazione e protezione riguardo alla coppia Oggetto-Agente (consolidante/protettivo, ecc.).


STRUTTURAZIONE DEI CORSI

Il percorso formativo si articola in:

MODULI DI BASE
Trattano gli aspetti necessari alla comprensione delle relazioni tra struttura chimica e molecolare ─ morfologia e struttura allo stato solido o condensato ─ funzione, proprietà applicative e d’uso ─ stabilità chimica, fisica e biologica. Inoltre le informazioni fornite saranno utili per comprendere come i materiali polimerici siano suscettibili, in base alle loro specificità, ad essere impiegati nella realizzazione di oggetti d’arte da una parte e come agenti stabilizzanti, consolidanti e di protezione in molte procedure di conservazione dei Beni Culturali dall’altra.

MODULI AVANZATI
I moduli avanzati verteranno essenzialmente sull’applicazione di innovative metodiche di pulitura, consolidamento e restauro conservativo, basate sull’impiego di materiali e tecnologie di nuova concezione, su alcuni oggetti in plastica della collezione Plart. Saranno inoltre impiegate moderne metodiche di analisi chimica strumentali (a basso tasso di invasività, non-distruttive e suscettibili di essere applicate in situ) per la conoscenza dei componenti, della tipologia e del grado del danno. L’insieme dei moduli applicativi si prefigge di fornire ai partecipanti, attraverso casi di studio e attività pratiche, una maggiore conoscenza delle principali forme di degrado a cui le collezioni museali in plastica possono essere soggette, delle linee guida sulla loro conservazione preventiva e degli strumenti teorici e pratici per affrontare la conservazione attiva di questi materiali.
Ciascuno dei moduli ha una durata di 2-5 giorni ed è self consistent, anche se il tutto si inquadra in una logica di insieme coerente e omogenea.

 

SCARICA LA BROCHURE
Ulteriori informazioni

 

Fonte: Fondazione Plart

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:34

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo