NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 13 Gennaio 2016 10:33

Architettura per l’Archeologia. Progetti di valorizzazione del patrimonio culturale

Fino al 29 Gennaio 2016 sono aperte le iscrizioni al Master Interfacoltà di II livello in “Architettura per l’Archeologia. Progetti di valorizzazione del patrimonio culturale” presso le facoltà di Architettura (Dipartimento di Architettura e Progetto) e la Facoltà di Lettere e Filosofia (Dipartimento di Scienze dell'Antichità) dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.  

Il  Master  propone un  percorso didattico finalizzato alla  formazione  di una  figura  professionale competente nell'affrontare la complessità culturale e tecnica degli interventi di valorizzazione in contesti archeologici. Questo profilo professionale sarà in grado di coniugare capacità progettuali, strumentazioni metodologiche e tecnico-scientifiche per operare in contesti stratificati nel rispetto dei valori storico-ambientali. L’Italia è disseminata di luoghi in cui il rapporto tra archeologia, spazio urbano e aree agricole rappresenta la realtà materiale e concettuale per possibili sinergie progettuali: se il “passato” non è solo morta eredità ma fonte preziosa di significati contemporanei, l’archeologiarappresenta il fondamento di nuovi valori relazionali, la cui identità è rafforzata dalla presenza simultanea di passato e presente nel processo culturale del progetto.  
L’obiettivo del percorso formativo è quindi la creazione di una lingua condivisa fra architettura e archeologia,  al  fine  di  realizzare  un  migliore  coordinamento  in  campo  professionale  fra  le  due discipline,  anche  alla  luce  di  recenti  direttive degli  organi  internazionali  che  si  occupano  di conservazione e tutela delle eredità storiche, che incoraggiano le interazioni fra le due professioni.
In particolare un recente documento dell’UNESCO,che definisce il concetto di "Paesaggio storico urbano",mira ad integrare il patrimonio e la sua vulnerabilità nel contesto più ampio della crescita delle città, contese  tra  sviluppo  e  conservazione  del  territorio,  promuovendo  azioni  trasversali  tra  diversi operatori. Azioni che vengono sollecitate anche nella normativa italiana relativamente alle valutazioni preventive di interesse archeologico nei progetti di interesse pubblico (D.Lgs. 163/2006).
La sperimentazione del Master mira a far convergere due campi disciplinari i quali, benché contigui da un punto di vista epistemologico, negli ultimi decenni si sono affrontati (almeno in Italia) in modo conflittuale. In questa direzione è prevista l’attivazione di specifiche collaborazioni e tirocini con enti pubblici competenti ed altri organismi pubblici e/o privati impegnati nella tutela e valorizzazione dei beni culturali e del loro contesto territoriale.  
Nel proporre una formazione di alto livello, la didattica del Master vuole pertanto rafforzare il carattere trans-disciplinare della formazione di architetti e archeologi, mettendo in luce le correlazioni, nel rispetto delle identità professionali e delle autonomie di campo.
Sul piano teorico e progettuale saranno affrontate le tematiche riguardanti la valorizzazione dei luoghi  e dei manufatti attraverso il restauro e la conservazione, l’inserimento del nuovo nell’esistente e le problematiche di integrazione e completamento che ne derivano. Inoltre, sulla base della normativa nazionale europea e internazionale, il Master pone l’accento sui temi riguardanti la valorizzazione di ambiti  urbani  e  territoriali,  dove  la  componente  storica,  nel  contesto  urbano  e  paesaggistico, costituisce l’aspetto qualitativo del progetto.  
Da un punto di vista tecnico, il Master fornisce le conoscenze di base necessarie alla comprensione dei luoghi e dei manufatti, alla cultura del progetto in ambito storico e alla preparazione tecnica sui principali sistemi di gestione dati (GIS e SIT), su i programmi di grafica e di cartografia digitale, nonché di modellazione tridimensionale, con particolare attenzione alle ricostruzioni “virtuali” quali possibili ipotesi interpretative per interventi reversibili sulla materia della storia. 

I partecipanti acquisiranno quindi competenze specifiche nell’ambito dei Beni Archeologici e della cultura architettonica contemporanea, quale veicolo necessario per la valorizzazione dei reperti, con particolare attenzione a:
• comprensione del progetto di interpretazione  
• progettazione innovativa per la valorizzazione e fruizione dei beni archeologici
• metodologie  proprie  dell’archeologia  preventiva  in funzione  della  redazione  di  carte  del rischio archeologico secondo quanto previsto dall’attuale normativa
• gestione di un cantiere di scavo
• sistemazioni in corso d’opera e finale degli scavi e delle indagini sul terreno
• programmi di disegno e di cartografia digitale

Nel Master verranno affrontate anche l'applicazione di tecnologie digitali al rilievo: disegno, modellazione, elaborazione di immagini;cartografia e strumenti di riferimento topografico; strumenti digitali nella cartografia.


Informazioni complete nel Bando disponibile a questo link

Fonte: Sapienza Università di Roma

Foto: Arco del Foro, Carsulae, foto di Ylenia Vassere, vincitrice al Concorso Fotografico Wiki Loves Monuments Italia 2015
Licenza cc-BY-SA
Ulteriori autorizzazioni richieste dal "Codice dei beni culturali e del paesaggio" (Codice Urbani), d.lgs n. 42 del 22 gennaio 2004 e successive modificazioni, per il riutilizzo dell'opera

La presente immagine riproduce un bene appartenente al patrimonio culturale italiano in consegna allo Stato; l'attuale normativa contemplata agli artt. 106 e segg. del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni, recante il Codice dei beni culturali e del paesaggio - non riferibile alle normative di diritto d'autore - prevede un sistema a tutela e salvaguardia del carattere storico artistico dei beni e delle relative esigenze di decoro, nonché il pagamento di un canone di concessione da parte di chi intenda trarre utilità economiche dirette o indirette dalle immagini riproducenti beni culturali appartenenti al patrimonio culturale italiano in consegna allo Stato. La riproduzione della presente immagine è autorizzata per uso personale o per motivi di studio. È necessaria l'ulteriore autorizzazione da parte del Ministero per i beni e le attività culturali per la riproduzione per scopi diversi e, in particolare, per fini di lucro, anche indiretto, ivi inclusa l'associazione, con qualunque modalità e in qualunque contesto, dell'immagine suddetta a messaggi pubblicitari di qualsivoglia genere, ovvero al nome, alla ditta, al logo, al marchio, all'immagine, all'attività o al prodotto di qualsivoglia soggetto.

Ultima modifica il Mercoledì, 13 Gennaio 2016 10:43

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo