NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Scuola di alta formazione su: Analisi sui Materiali per l’ARCHeologia e i beni culturali

Si terrà presso l’Università di Trento dal 10 al 14 Febbraio 2020 la Scuola, giunta alla seconda edizione, dal titolo “Analisi sui Materiali per l’Archeologia e i Beni Culturali“.

La Scuola avrà quest’anno un taglio teorico e pratico e sarà incentrata all’utilizzo nel campo della ricerca archeologica e de più ampio campo dei beni culturali delle seguenti tecniche:

– Spettroscopia a Infrarosso;
– Spettrometria a fluorescenza di raggi X indotta da X (XRF) e da elettroni, con particolare riferimento all’approccio cosiddetto a “dispersione di energia” (EDXS)
– Microscopia elettronica a scansione (SEM)

Le iscrizioni sono aperte fino al 24 gennaio 2020 (ore 12:00). Vi sono ancora alcuni posti dei 40 disponibili.

Nelle intenzioni la iniziativa è rivolta particolarmente a ricercatori e ricercatrici, anche di estrazione umanistica, che intendessero acquisire delle competenze specifiche sulle suddette tecniche di indagine.
Ulteriori informazioni, tra le quali il programma preliminare completo della Scuola e le modalità di iscrizione, sono disponibili alla pagina web dedicata oppure scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

-------
Scuola di alta formazione 10-14 febbraio 2020
Luogo: aula 003, Palazzo Paolo Prodi - Via T. Gar 14, Trento

Finalità

La seconda edizione della Scuola si propone di illustrare le possibilità offerte alla indagine scientifica nel campo della ricerca archeologica e del più ampio campo dei beni artistici e culturali, dalle tecniche di: spettroscopia a infrarosso, spettrometria di fluorescenza X, di microscopia elettronica a scansione e della relativa spettroscopia X a dispersione di energia.
La iniziativa si articola in tre momenti principali:
Introduzione generale all’analisi di materiali archeologici e descrizioni dei principi fisici su cui si basano le tecniche sperimentali affrontate dalla Scuola: spettrometria di fluorescenza di raggi X (XRF); spettroscopia infrarossa (IR); microscopia elettronica a scansione (SEM) con spettroscopia X a dispersione di energia (EDXS).
Descrizione delle tre tecniche sperimentali, a ciascuna delle quali sarà dedicata un’intera giornata così organizzata:
Mattina: Lezioni sui principi base e possibilità delle diverse tecniche nella caratterizzazione dei materiali per l’archeologia e i beni culturali. Argomenti principali: tipologia dei materiali analizzabili ed eventuali di preparazione dei campioni.
Pomeriggio: Lezioni tecnico-strumentali sulla strumentazione disponibile e relativi principi di funzionamento. Demo con acquisizione ed elaborazione dati sperimentali su campioni reali (Nota: sessione sperimentale in aula con videoproiezione a beneficio di tutti i partecipanti).
Pitch session & Laboratori XRF-IR-SEM-EDXS, a cui sarà dedicato l’ultimo giorno. Nella prima parte della giornata i partecipanti presenteranno una proposta di analisi su loro campioni, che richieda l'impiego delle tecniche trattate nel corso della Scuola. Se approvate nel corso della discussione con panel di esperti, che seguirà la pitch session, le misure verranno effettivamente eseguite su campioni forniti, ovviamente, dai partecipanti. I dati ottenuti ed elaborati con il supporto di ricercatori esperti rimarranno a disposizione dei proponenti, che potranno impiegarli per le ricerche di loro interesse.
La Scuola è organizzata dal Laboratorio Bagolini di Archeologia, Archeometria e Fotografia del Centro di Alti Studi Umanistici (CeASUm), nell’ambito del Progetto “Dipartimento di Eccellenza” del Dipartimento di Lettere e Filosofia, e dal Laboratorio Beni Culturali del Dipartimento di Ingegneria Industriale, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica, Università di Trento.
La Scuola è destinata a giovani ricercatrici e ricercatori che operano nel campo della ricerca archeologica e dei beni culturali, con particolare riguardo per: PhD e Master student, ricercatrici e ricercatori di Enti Museali e Soprintendenze.
Le lezioni si terranno in italiano e non è richiesta una preparazione tecnico-scientifica a livello accademico, bensì una buona conoscenza dei principi di chimica e fisica a livello di scuola superiore.

Docenti

Gilberto Artioli, Università di Padova (Italia)
Evgeny Borovin, Università di Trento (Italia)
Fabio De Simone, Alfatest Srl (Italia)
Stefano Gialanella, Università di Trento (Italia)
Federico Mazzei, TQ Technologies for Quality (Italia)
Hanns Oberrauch, Università di Trento (Italia)
Ilaria Patania, University of Haifa (Israele)
Diego Sali, Bruker Optics (Italia)
Fabio Santaniello, Università di Trento (Italia)
Maria Secchi, Università di Trento (Italia)
Michela Spataro, British Museum Londra (Uk)
Maurizio Zambaldi, Università di Trento (Italia)
Marco Zanatta, Università di Trento (Italia)
Iscrizione

La Scuola è aperta a un massimo di 40 partecipanti.
Per partecipare è necessario compilare la domanda di registrazione online, disponibile anche nei link utili.
Scadenza iscrizioni: 24 gennaio 2020, ore 12.00.

N.B. L'accettazione dell'iscrizione verrà notificata tempestivamente via email. Contestualmente, saranno comunicati gli estremi per il pagamento della quota di partecipazione.

Quote di partecipazione

La quota di partecipazione è di 150 € e comprende il materiale didattico e di laboratorio, i coffee break, i pranzi e la cena sociale di giovedì 13 febbraio 2020.

Programma

Il programma preliminare è scaricabile nel box di download.

Comitato Scientifico

Stefano Gialanella – Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università di Trento
Stefano Grimaldi – Dipartimento di Lettere e Filosofia, Università di Trento
Annaluisa Pedrotti – Dipartimento di Lettere e Filosofia, Università di Trento
Maria Secchi – Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università di Trento
Marco Zanatta – Dipartimento di Fisica, Università di Trento

Comitato Organizzatore

Betty Balduin – Ufficio Comunicazione ed Eventi - Polo di Città
Stefano Gialanella – Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università di Trento
Fabio Santaniello – Dipartimento di Lettere e Filosofia, Università di Trento
Marco Zanatta – Dipartimento di Fisica, Università di Trento

Per informazioni

https://webmagazine.unitn.it/evento/lettere/70548/analisi-sui-materiali-per-l-archeologia-e-i-beni-culturali 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo