NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Corso di perfezionamento in “Ingegneria per i beni culturali” presso il CIBeC

Concorso di ammissione al Corso di perfezionamento in “Ingegneria per i beni culturali” istituito presso il Centro Interdipartimentale di Ingegneria per i Beni Culturali (CIBeC).

La Direzione del Corso ha sede presso il Centro Interdipartimentale di Ingegneria per i Beni Culturali (CIBeC) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il Corso, dando per acquisite le tematiche proprie dell’Ingegneria e dell’Architettura,intende promuovere lo sviluppo dell’Ingegneria per i Beni Culturali secondo una strategia della Conservazione che assuma il Bene Culturale come monumento-documento

Il Corso comprende lezioni teorico-pratiche e attività seminariali per almeno 75 ore e studio personale per almeno 75 ore. La frequenza del Corso è obbligatoria con almeno l’80% di presenze sul totale del monte ore di lezione; le lezioni si svolgeranno nel pomeriggio dei venerdì e nella mattina dei sabato.

Possono partecipare al Corso i laureati in Ingegneria o in Architettura, di tutte le classi di laurea, sia triennali che specialistiche e/o magistrali rilasciate ai sensi del DM 509/99 e DM 270/04, nonché coloro che siano in possesso delle medesime lauree del previgente Ordinamento degli Studi.

Il numero massimo di iscritti è di 30 allievi. Un posto è riservato, a titolo gratuito, al personale in servizio presso gli Uffici tecnici dell’Università Federico II in possesso dei requisiti di cui al punto 4. Altri due posti a titolo gratuito sono riservati a collaboratori interni del CIBeC.

Scarica il bando 

Fonte: Associazione AIAr

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo