NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

L'ICCD continua a rilasciare linked open data, i dati aperti che favoriscono l’interoperabilità semantica nel mondo del Catalogo.

Come possiamo proteggere e preservare il patrimonio culturale? I ricercatori di 16 istituti Fraunhofer stanno collaborando per un progetto sul patrimonio culturale per sviluppare le tecnologie necessarie per questa impresa.

La prima edizione di RO.ME – Museum Exhibition, manifestazione ideata e organizzata da Fiera di Roma e dall’Associazione ISI.Urb, sui musei, sui luoghi e le destinazioni culturali, promossa con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, di Roma Capitale, e il contributo di Regione Lazio, Unioncamere Lazio e Camera di Commercio di Roma nell’ambito dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, si terrà a Roma, dal 29 novembre al 1 dicembre 2018 presso la Fiera di Roma.

Codevintec ha svolto una dimostrazione pratica con l’Interferometro Radar da terra Metasensing sul ponte San Michele - capolavoro riconosciuto di archeologia industriale - candidato nella lista UNESCO dei patrimoni dell'umanità.

Il National Maritime Museum è il centro di riferimento australiano per le collezioni, le esposizioni e la ricerca in ambito marino. Situato nel vivace Darling Harbour di Sydney, l’edificio ospita oltre 140.000 oggetti in esposizione accumulati nell’arco di decenni – cimeli di inestimabile valore del passato marinaro dell’Australia. Gli oggetti devono essere solitamente conservati in condizioni atmosferiche controllate per via della loro estrema sensibilità alla luce e ai livelli di umidità.

Il Centro di Eccellenza del Distretto Tecnologico dei Beni ed Attività Culturali della Regione Lazio, incontrerà istituzioni, operatori, addetti ai lavori e semplici visitatori al Ro.ME che, dopo la presentazione ufficiale lo scorso 22 ottobre nell’Aula magna della Sapienza, ospiterà la prima uscita pubblica.

Beni Culturali Sommersi è il titolo dell’ultimo numero di Archeomatica (3-2018) – Tecnologie per i Beni Culturali. Abbiamo voluto dedicare questo numero al Patrimonio Sommerso nel tentativo di diffondere  un messaggio chiaro e preciso: dar voce ai progetti in corso che si occupano di beni culturali sommersi. Un immenso patrimonio da preservare, conservare, valorizzare e diffondere con le più innovative tecnologie a nostra disposizione.

L’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari Venezia, apre a Venezia un nuovo centro del network nazionale IIT per lo sviluppo di tecnologie e materiali nel campo della conservazione dei beni culturali.

Presso il British Museum di Londra nei giorni 9 e 10 Novembre al "9th International Round  Table On Polychromy In Ancient Sculpture And Architecture", è stato presentato il contributo dal titolo "Communicating ancient polychromies: the Spatial Augmented Reality experience" dello Studio Glowarp.

Grazie al Grande Progetto Pompei, uno dei più vasti e impressionanti siti archeologici del mondo è finalmente ritornato negli ultimi anni al centro dell’attenzione internazionale.

Pagina 1 di 155

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo