NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 13 Febbraio 2013 14:48

Uno schermo di 12 metri per scoprire l'arte, il Cleveland Museum punta sulla tecnologia

Redazione Archeomatica

Cleveland-wallIl Cleveland Museum of Art ha di recente aperto una galleria interattiva unica nel suo genere che unisce arte e tecnologia con lo scopo di scoprire una collezioni museale completamente diversa. Questo nuovo allestimento interattivo è stato definito rivoluzionario ed è attualmente il più grande schermo multi-touch installato negli Stati Uniti; esso consente di accedere alle immagini di più di 3500 oggetti appartenenti alla collezione permanente del Museo. Questa schermata di 12.2 metri permetterà ai visitatori di creare e preparare le loro visite personali al Museo e scoprire l'intera gamma di collezioni.

"Gallery One" non è solo una vetrina digitale della collezione del museo ma è anche uno spazio in cui originali creazioni artistiche e interattive informano i visitatori in un modo nuovo".

"Gallery One offre un'esperienza unica per i visitatori di ogni età," ha dichiarato David Franklin, direttore di Sara S. e Alexander M. Cutler. "Questo spazio unisce l'arte e le persone, l'arte e le idee e collega tra loro i visitatori. Siamo lieti di condividere questo nuovo spazio con la comunità del nord Ohio, con i nuovi visitatori e ai nostri fedeli visitatori, e siamo particolarmente orgogliosi di essere pionieri a livello internazionale utilizzando la tecnologia per migliorare e personalizzare l'esperienza del visitatore del Museo d'Arte. "

A partire da oggi, i visitatori della Galleria possono scoprire, capire e interpretare la collezione del Museo attraverso una serie di attività interattive utilizzando la tecnologia. Le opere della collezione permanente presentate nella galleria comprendono capolavori di Pablo Picasso, Auguste Rodin, Viktor Schreckengost, Giovanni Panini e Chuck Close.

Alcuni giochi incoraggiano i visitatori a "immergersi" nella collezione, a confrontare i loro volti con le facce dell'arte o a copiare le pose delle sculture.

Questo schermo gigante è completato da altri strumenti innovativi nel museo tra cui schermi interattivi e una nuova app per iPad ArtLens. Entrambi gli strumenti consentono ai visitatori di esplorare come le opere d'arte sono state realizzate, da dove vengono e perché sono stati prodotti. In ogni fase della visita, la tecnologia è usata per attirare i visitatori verso le opere arte e offrire nuove e molteplici prospettive sulla collezione.

Gallery One si compone di due spazi che offrono un' esperienza differente per i visitatori di tutte le età e diversi livelli di conoscenza dell'arte. "Studio Play" è uno spazio luminoso e colorato che accoglie i visitatori più giovani del museo e le loro famiglie proponendogli di giocare e imparare con l'arte.

Questa spazio famiglia-giovani propone diverse attività: "Line e Shape", un multi-touch da parete dove i visitatori possono disegnare linee e collegare le opere d'arte della collezione, un teatro di marionette, dove le sagome di oggetti possono essere utilizzati come "attori", un angolo dedicato alla telefonia mobile e alla scultura dove i visitatori possono creare la propria interpretazione di sculture e cellulari moderni di Calder e Lipchitz e, infine, un modulo di gioco per la navigazione nell'intera collezione. Questo spazio è stato progettato per incoraggiare i visitatori di tutte le età di diventare partecipanti attivi nella loro esperienza museale.

 

Nello spazio centrale della galleria, i visitatori hanno l'opportunità di conoscere meglio la raccolta e di scoprirla in modo divertente ed educativa.

La galleria è costituita da quattordici soggetti che raccolgono opere dalla collezione del Museo, di cui sei propongono delle stazioni "lente". Tali stazioni composte da 46  schermi multi-touch forniscono ulteriori informazioni e attività interattive che permettono ai visitatori di creare proprie esperienze e condividerle con gli altri attraverso i social media. Un'altra caratteristica unica dello spazio è il "beacon" uno schermo interattivo di introduzione dinamico che mostra in tempo reale i risultati delle attività dei visitatori nello spazio, come cose che preferiscono, opinioni o risultati delle attività.

 

Uno dei gli aspetti più unici e innovativi della Gallery One è il muro della collezione, una parete di oltre 12 metri di lunghezza, interattiva e multi-touch che presenta opere della collezione permanente in rotazione per periodo, per argomento e tipologia dei lavori, per i materiali o per le tecniche.

"La parete della collezione è un tratto di unione tra Gallery One e le gallerie permanenti della collezione", ha detto Caroline Goeser, direttore delle attività di educazione e d'interpretazione. "Esso presenta la collezione con una modalità in costante evoluzione. Questo offre ai visitatori un punto di vista rinnovato sulle nostre collezioni"

La grande parete, il più grande display multi-touch installato negli Stati Uniti, permette ai visitatori di esplorare le opere d'arte, di facilitarne la scoperta e favorire il dialogo con gli altri visitatori.

La parete della collezione offre anche esperienza di orientamento, consentendo ai visitatori di scaricare i percorsi esistenti o di creare il proprio tour e di fare questa visita nelle gallerie con l'aiuto di iPad. Così come gli altri strumenti interattivi installati nella galleria esso illustra la strategia di investimento a lungo termine del Museo in materia di tecnologia per migliorare l'accesso dei visitatori alle informazioni e ai contenuti ideati intorno alla collezione permanente.

"La parete della collezione mostra perfettamente come la tecnologia può ispirare i nostri visitatori ad interagire con la nostra collezione in modo originale e giocoso, un'esperienza mai offerta finora a questa scala ", ha detto Jane Alexander, direttore dei servizi di gestione dei contenuti e dei servizi tecnologici." Questo spazio è unico tra i musei d'arte a livello internazionale aiuterà il Cleveland Museum of Art come un museo delle principali destinazioni. 

 cleveland parete

 

In concomitanza con l'apertura della galleria, il museo ha anche creato "ArtLens", un'applicazione gratuita per iPad multidimensionale. Utilizzando il software di riconoscimento di immagini, i visitatori possono eseguire la scansione di oggetti 2D e accedere alle gallerie permanenti per 9 ore di contenuti multimediali, tra cui estratti dell'audioguida, video e altre informazioni aggiuntive contestuali. La tecnologia di localizzazione indoor per triangolazione permette ugualmente ai visitatori di navigare tra le gallerie e trovare opere d'arte con un contenuto d'interpretazione supplementare per tutta la visita.

Inoltre, i visitatori avranno la possibilità di collegare il proprio iPad, o quello in prestito dal museo, alla parete della Collezione. I visitatori potranno percorrere il muro e salvare i loro favoriti per trovarli nelle gallerie permanenti. L'applicazione offre anche dei percorsi tematici progettati da curatori e dagli altri visitatori.

"ArtLens permette ai visitatori di prolungare l'esperienza della Gallery One in altre aree del Museo, comprese le gallerie d'arte permanenti", ha detto Caroline Goeser. "Al di là del contenuto relativo alle opere, l'applicazione cerca e fornisce anche voci e tradizioni di diverse culture ed esperienze di creazione artistica di artisti locali. Questi contenuti sono stati aggiunti per aumentare gli angoli di visione e le prospettive di visitare la nostra collezione. E' stato aggiunto affinché i visitatori possano scegliere ciò che gli interessa e scoprire nuovi modi di vedere e interpretare l'oggetto, ma anche per sollecitare la curiosità e la scoperta dei nostri visitatori. E 'molto importante per noi che i visitatori siano in contatto e interagiscano con le opere reali, piuttosto che con riproduzioni digitali", ha dichiarato David Franklin. "Vogliamo che i visitatori osservino con attenzione le opere d'arte originali e stabiliscano relazioni personali con chi che vedono." 

"La tecnologia è uno strumento essenziale per favorire la partecipazione dei visitatori e la sua interazione con la collezione", ha aggiunto C. Griffith Mann, vicedirettore e curatore capo del museo. "Questa iniziativa è il risultato di una collaborazione senza precedenti tra i conservatori, il team per l'educazione ed i nostri esperti tecnologici." 

 

Il Museo ha progettato e sviluppato questo ambizioso progetto con diverse aziende tecnologiche statunitensi.

Il Cleveland Museum of Art, che si trova nel quartiere dell'università è oggi uno dei maggiori musei americani. La sua collezione si compone di 45.000 oggetti che illustrano 6.000 anni di storia dell'arte. E 'stato riaperto nel 2011 dopo un lungo periodo di ristrutturazione. Il museo ha annunciato più di 420.000 visitatori nel 2012, un record dal 2005, e una crescita di oltre il 30% in un anno. Nello stesso periodo, i ricavi sono aumentati del 44% attendendo 26 milioni di dollari. 

 

Fonte: Clic France

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo