NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 07 Aprile 2011 21:32

Terremoto in Giappone resoconto sui danni da ICOM

Pubblichiamo la traduzione del seguente messaggio ICOM pervenutoci.

Situazione Giapponese: notizie ICOM dal Giappone.
venerdì 18 marzo 2011
TERZO RAPPORTO

Cari colleghi, cari amici miei,
Questa è la terza relazione dal Giappone sulla situazione attuale.
Ancora una volta, vorrei ringraziare di cuore per la simpatia e l'incoraggiamento di quel messaggio da ICOM e dai funzionari provenienti da musei di tutto il mondo al popolo giapponese che ha perso la vita e i beni più preziosi per il terremoto ha colpito il Giappone nord-orientale il 11 marzo 2011.


Foto complete dei danni provocati da questo terremoto non sono ancora state divulgate, ma sono stati stimati gravi danni al patrimonio naturale, a molti musei e al patrimonio culturale. Vorrei cercare di esortare i funzionari dei musei in collaborazione con tutti i giapponesi, ma anche con il supporto del governo per mirare a ripristinare i musei il più presto possibile.

Il 27 marzo, l'autostrada verso la regione orientale del Nord fu completamente recuperata.
I trasporti di emergenza hanno la priorità, ma auto normali si stanno muovendo in quella regione per dare un sostegno con alimenti, medicine e carburante da riscaldamento, ecc

Noi non abbiamo ancora cominciato a indagare nelle prefetture di Iwate, Miyagi e Fukushima. Ma, il Ministero della Pubblica Istruzione e la Agenzia della Cultura hanno cominciato a studiare da Sabato, il 26 marzo, dalla prefettura di Ibaraki. Specialmente il "patrimonio architettonico classificato tradizionale e i villaggi", nella prefettura di Makabe. Gli specialisti stanno ancora effettuando i rilievi dei danni.

Per quanto riguarda i "musei" in quella regione, possiamo dire che ci sono circa 400 musei. Secondo il volontario che ha raccolto le informazioni da siti web diversi o da Twitter provenienti da musei danneggiati, al momento (alla data del 29 marzo 2011) possiamo conoscere la situazione attuale di 144 musei. Alcuni musei sono sicuri, alcuni musei sono fortemente danneggiati.

Tra i 144 musei danneggiati 31 sono molto gravi. (Avremo una relazione al più presto su queste situazioni).
Alcuni musei sono stati cancellati dallo tsunami e 31 musei necessitano particolari aiuti. Pertanto, ora siamo pronti ad andare ad aiutare.

Stiamo raccogliendo continuamente dati sui musei danneggiati rilevando le condizioni delle collezioni. Stiamo cercando di contare i numeri.
Ci vuole molto tempo.

Ci sono parecchi siti, come tutti i Consigli dei Musei della Scienza, le Federazioni dei Musei d'Arte e le associazioni regionali. Oggi, ho discusso con il segretario generale della Associazione giapponese dei Musei, ma non riusciva a dare una idea dei numeri totali. Abbiamo bisogno di più tempo.

C'è una certa proposta da AIC (American Institute per la Conservazione storico-artistica) per un team d'emergenza di risposta. Al momento, stiamo preparandoci a ricevere la squadra di emergenza, da inviare in primo luogo nella regioni che più ne abbisognano.

Inoltre, c'è un'altra proposta circa le donazioni. Vi ringrazio molto e vi preghiamo di attendere un momento su questa proposta.
Poiché stiamo discutendo quale conto in banca è efficace. Vi faremo sapere in ad ogni modo come ricevere le vostre gentili donazioni.

Ancora una volta, apprezziamo molto per la vostra simpatia e l'incoraggiamento pervenuto dal messaggio ICOM e dai funzionari provenienti da altri musei.

Dr. Eiji Mizushima
Prof. Tokiwa Università
ICOM Giappone
mizushima.eiji @ gmail.com

(Fonte http://www.icom-italia.org//index.php?option=com_content&task=view&id=800&Itemid=1)

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo