NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 09 Maggio 2012 11:43

Ricostruzione 3D di un'antica mummia

Domani, giovedì 10 maggio 2012, alle ore 11.00 presso la Sala Maria Bambina dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano, si svolgerà un incontro dal titolo "La Mummia di Ankhpakhered mostra il volto (e racconta la sua storia)" durante il quale saranno presentati i risultati di due anni di studi sulla mummia di Ankhpakhered, appartenente al Museo Civico Archeologico e Paeolontologico di Asti.
La mummia prende il nome dal proprietario dell'antico sarcofago ma custodisce una mummia misteriosa, non riconducibile allo stesso Ankhpakhered.

Le iscrizioni sul sarcofago permisero di ipotizzare che la mummia fosse di un uomo chiamato Ankhpakhered, sacerdote del Dio Min, divinità legata alla fertilità e alla sessualità, vissuto tra la XXII-XXII dinastia (945-715 a. C.). Durante il restauro la mummia è stata sottoposta ad un esame radiologico che ha rivelato l'assenza di bende come quelle un vero proprio corpo mummificato, mettendo in luce i resti di uno scheletro ricomposto. La mummia è stata quindi analizzata in maniera più approfondita grazie ad un'équipe multidisciplinare.
Nel 2009 fu realizzata una TAC presso il Fatebenefratelli di Milano. Tale esame confermò che la mummia non apparteneva ad Ankhpakhered, l'originale proprietario del sarcofago, ma a qualcun altro, sconosciuto.
La mummia é stata sottoposta a prelievi endoscopici di materiale osseo, per una successiva datazione al radiocarbonio, e ad un'analisi tossicologica.
Durante l'incontro verranno mostrati i risultati del Mummy Project. Verrà presentata la ricostruzione del volto della mummia in 3D, realizzata in scala reale da Jonathan Elias, egittologo americano. Verranno descritti dettagli inediti emersi durante le indagini chimico-tossicologiche e quelle al radiocarbonio che hanno permesso di ottenere maggiori informazioni sulla vita e la morte dell'usurpatore di Ankhpakhered.
La ricerca è stata svolta dal Laboratorio di Tossicologia Forense del Dipartimento di Fisiologia Umana dell'Università di Milano e dal Centro di stazione e Diagnostica (CEDAD) dell'Università del Salento.

Durante l'incontro interverranno Giovanni Michiara, direttore generale dell'Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico, Sabina Malgora e Luca Bernardo entrambi co-direttori del Mummy Project, Lucio Calcagnile, direttore del CEDAD, Jonathan Elias, direttore dell' Akhmim Mummy Studies Consortium (AMSC) presso il Pennsylvania University Museum, e Gianfranco Imerito, assessore alla Cultura del Comune di Asti. 

La stessa ricerca sarà l'oggetto di un secondo incontro dal titolo "Il volto: la mummia si rivela" in programma sabato 22 maggio 2012 alle ore 17.00 presso la Sala Pastrone del Teatro Comunale Alfieri di Asti. Oltre a Sabina Malgora e Luca Bernardo, interverranno Gianluigi Nicola, direttore tecnico della Nicola Restauri, e Annamaria Ravagnan, Funzionario U.O. Musei e servizi culturali, Direzione Generale Cultura, Identità e Autonomie della Regione Lombardia.  

Anche SuperQuark si interessò alla ricerca sulla mummia realizzando un servizio andato in onda il 1 settembre 2011 e che riportiamo qui di seguito. 



Per ulteriori informazioni: http://www.fbf.milano.it/mummy_www/mummy_pro.html

Fonte: Fatebenefratelli

Foto: MPM N2121 Mummified Head © 2011 AMSCRESEARCH, LLC All Rights Reserved
Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo