NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 16 Novembre 2012 15:06

Ricostruita in 3D la mummia dell'uomo di Gebelein

mummiabm scheletroE' conservata presso il British Museum una delle più importanti mummie naturali conservate al mondo. L'uomo di Gebelein è una mummia naturale morta da più di cinque mila anni fa ed è stato sepolta nel sito di Gebelein, nell'Alto Egitto. La ricostruzione della sua tomba illustra l'usanza egizia di porre il corpo in un contratto, posizione fetale, di solito sul lato sinistro, con la testa a sud, e la faccia ad ovest, cioè verso la terra dei morti dove sarebbe rinato. Intorno a lui c'erano tutte le cose che di cui poteva aver bisogno per la sua vita dopo la morte, in particolare piccole anfore in ceramica che contenevano alimenti. 


Nel periodo predinastico (4400-3100 aC), prima dei faraoni, i morti venivano sepolti in fosse poco profonde scavate nella sabbia del deserto. Le tombe erano spesso rivestite con stuoie in canna, e il corpo era coperto di lino o pelli e altre stuoie, come una coperta, prima che la tomba  venisse riempita da un tumulo di terra. Il contatto con la sabbia calda asciutta conservava naturalmente gli organi e i tessuti poiché la sabbia assorbiva l'acqua che costituisce il corpo umano. Anche i microrganismi non potevano riprodursi senza umidità e, come risultato, i corpi non si decomponevano, ma si asciugavano. Il corpo di questo uomo è ancora oggi in un ottimo stato di conservazione, anche nelle unghie e capelli, che probabilmente ha sbiadito con il tempo.

La scoperta di queste mummie ha alimentato la convinzione che la conservazione fisica del corpo fosse necessaria per l'aldilà. Questo può aver portato gli egiziani a sviluppare mezzi di mummificazione artificiale, con l'introduzione di  tombe più profonde che limitavano il ​​corpo dagli effetti di essiccazione naturale della sabbia.

Gli oggetti che hanno circondato l'uomo di Gebelein nella sua sepoltura originale non sono note. In esposizione si trova una selezione di tipiche corredi di altre tombe del periodo medio Predinastico (circa 3500 a.C.), periodo nel quale si crede sia morto. 

mummia bm

Trovato in intorno al 1896, e conosciuto come l'uomo Gebelein, la mummia naturale fu sepolta nel sito di Gebelein nell'Alto Egitto. Quest'anno, curatori del British Museum hanno collaborato con scienziati e medici esperti per eseguire una TAC della mummia. Immagini dettagliate create da alta risoluzione delle scansioni a raggi X permettono ora di guardare dentro il suo corpo e di conoscere la sua vita e la morte in una modalità prima d'oggi mai conosciuta.

La ricostruzione in 3D è ora alla portata di tutti grazie ad una mostra aperta fino al 16 dicembre 2012 al British Museum. La  tecnologia è stata sviluppata e fornita dal'impresa svedese Interactive Institute, il Visualization Center C e il Centro per la Scienza e la Visualizzazione di immagini medicali, Svezia. Tramite un touch screen è possibile interagire con il modello virtuale e approfondire la conoscenza della mummia.

 

GUARDA IL VIDEO SUL SITO DEL BRITISH MUSEUM

 

Fonte: British Museum

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo