NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 02 Novembre 2012 01:20

Memoria/Futuro, alla scoperta delle tecnologie innovative per la cultura

Redazione Archeomatica

memoria futuroLa scienza e le nuove tecnologie stanno trasformando il modo di conoscere, conservare e valorizzare il patrimonio culturale. Per questo motivo la Fondazione Rosselli, sotto il coordinamento del dott. Carmine Marinucci (ENEA, MIUR), ha ideato un progetto informativo e ad alto contenuto tecnologico per indagare su una gestione intelligente, sostenibile e inclusiva per i beni culturali.

Il progetto è stato chiamato MEMORIA / FUTURO - Tecnologie per il patrimonio culturale, un viaggio nell'Italia della scienza, alla scoperta delle tecnologie, "esprimendo così in due parole come l'innovazione tecnologica offre alla memoria collettiva un futuro luminoso e duraturo". L'iniziativa è organizzata come un insieme di eventi e di mostre itineranti, con lo scopo di presentare l'impegno della comunità italiana nel campo della scienza e della tecnologia per la conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale.


L'iniziativa è stata promossa nell'ambito del tavolo di concertazione MIUR-MIBAC quale contributo italiano per la discussione di un'agenda europea di ricerca "JPI Beni Culturali", e dispone di una proficua collaborazione tra il Ministero dell'istruzione e della ricerca MIUR e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali MiBAC.

L'iniziativa prevede una mostra itinerante, lo sviluppo di un portale web e nuove applicazioni tecnologiche per smartphone e tablet, una serie di seminari e la pubblicazione di un libro per raccontare "Chi, cosa, dove" lavora nell'ambito.

Il progetto vuole anche essere un contributo da parte della comunità di ricerca italiana per la ricostruzione delle zone de L'Aquila e di Ferrara danneggiate dai recenti terremoti. Per questo motivo è significativo che la mostra itinerante farà il suo debutto a L'Aquila, alla fine di novembre, e atterrerà a Ferrara, nello spirito de "la nostra scienza, la nostra tecnica per la ricostruzione".

Fino ad ora le città italiane che prevedono di ospitare la mostra itinerante sono: L'Aquila, Campobasso, Enna, Trieste, Roma, Ferrara. I seminari si svolgeranno in altre regioni italiane.

 L'inaugurazione è prevista per il 14 dicembre 2012 a L'Aquila.

Guarda il trailer di presentazione. 

 

 

 

Fonte: MIUR, Digital Meets Culture

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo