NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 18 Gennaio 2013 10:35

Le tecnologie digitali aiutano a preservare le grotte di Dunhuang

buddhas 3d_3All'Università di Hong Kong è stata messa a punto una nuova applicazione di tecnologie digitali per la fruizione delle antiche pitture parietali delle grotte di Dunhuang. Si tratta di una stanza buia dove con il tocco di un iPad Mini, lo spazio digitale è trasformato in una grotta buddista di circa 1500 anni fa. Le sue pareti sono decorate con dipinti bellissimi, seppur sbiaditi, raffiguranti esseri illuminati, ballerini e musicisti. L'utilizzo di un paio di occhiali 3D permette di scoprire la grotta in modo più coinviolgente. I colori dei pigmenti mostrano come la grotta doveva apparire quando l'opera fu realizzata mentre l'ingrandimento permette di rivelare i più piccoli dettagli.


Jeffrey Shaw è co-leader di un team presso la School of Creative Media alla Hong Kong City University, è lui che ha aperto la strada alla tecnologia digitale immersiva per i beni cultruali, sfruttando gli sviluppi in altri ambiti quali nel cinema, video game e realtà virtuale. Il team crede infatti che le tecniche sviluppate aiuteranno a preservare i siti del patrimonio dell'area asiatica, chiave del flusso turistico, prima di essere irrimediabilmente danneggiati da l'assalto del turismo di massa. "La preoccupazione principale è quello di mantenere l'integrità di queste grotte per i posteri", dice Shaw. La squadra ha lavorato a progetti simili per Angkor Wat in Cambogia e Hampi in India ma questo è il progetto più ambizioso.

La grotta fa parte di un più ampio complesso che si trovano migliaia di km a nord di Hong Kong nella città cinese di Dunhuang, un tempo oasi della Via della Seta e oggi patrimonio mondiale dell'Unesco. Per quasi duemila anni, le Grotte di Mogao hanno resistito all'assalto di orde barbariche, terremoti al movimento di dune di sabbia del deserto del Gobi.Oggi, le grotte e i loro affreschi affrontano una minaccia diversa e forse più potente come gestire il crescente numero di turisti che vengono a vedere le grotte.

Circa 680.000 turisti hanno visitato il sito nel 2011 e il numero è stato superato da almeno 100.000 presenze l'anno scorso. Ma il forte aumento di visitatori nel corso dell'ultimo decennio ha innalzato il livello di umidità e di anidride carbonica all'interno delle grotte, ponendo seri problemi dal punto di vista conservativo.

La grotta riprodotta dal team di City University è già chiusa ai turisti: solo 70 delle 492 grotte decorate, infatti, sono aperte al pubblico. Le pressioni esercitate dall'aumento dei visitatori presso Dunhuang sono condivise da molti siti  culturali in tutta la Cina e l'Asia. Wang Xudong, vice direttore della Accademia di Dunhuang, responsabile della conservazione delle grotte, dice che la capacità ottimale per le Grotte di Mogao è di circa 3.000 persone al giorno.

Tuttavia il 2 ottobre, in occasione della giornata nazionale della Cina più di 18.000 turisti hanno visitato il sito. Sono in corso progetti per limitare il numero di visitatori attraverso un sistema di prenotazione online, ma Wang dice che l'uso di strumenti digitali per catturare le grotte prima di qualsiasi ulteriore deterioramento è una priorità.

Una forte squadra sta documentando il sito attraverso un'ampia fotografia ad alta risoluzione e scansione laser 3D. Ogni grotta ha tre mesi per documenti e il progetto è pensato per essere impareggiabile in scala rispetto alle iniziative analoghe in altri siti del patrimonio.

Un nuovo centro per i visitatori è previsto per la fine del 2013 e offrirà, tra l'altro, un documentario e una riproduzione 3D delle grotte originali. "Aiuteranno a regolare il numero di turisti e a ridurre il tempo speso nelle grotte per visite guidate", dice Wang. "Questo alleggerirà notevolmente lo stress esercitato dal turismo sulla conservazione delle grotte."

 

buddhist 1  buddhist 2

 

L'Accademia Dunhuang e il suo team digitale hanno collaborato a stretto contatto con la City University nel progettare la ricreazione grotta, che si chiama "Terra Pura: dentro le Grotte di Mogao a Dunhuang".

L'installazione è stata mostrata al di fuori della Cina per la prima volta nel mese di dicembre quando è stato esposto allo Smithsonian di Washington.

Dopo alcuni miglioramenti, la tecnologia sarà presentata anche a Dunhuang, consentendo ai visitatori di interagire con le grotte in un modo completamente diverso. "Si potrebbe dire che è una esperienza surrogata per visitare le grotte, ma non è semplicemente l'imitazione di una visita", dice Shaw.

"Una volta che hai la grotta in una rappresentazione digitale si possono fare cose molto particolari che non si possono fare necessariamente nella grotta vera e propria." Una lente di ingrandimento consente di esplorare in scala 1:1 l'ambiente virtuale che rappresenta sette figure conosciute come medicina Buddha e altre immagini tradizionali. Incensieri Faded, liuti e arpe sono stati disegnati a mano con pennelli tradizionali, prima di essere sottoposti a scansione e modellati in 3D. Esperti di danza tradizionale dell'Accademia di Danza di Pechino sono stati ripresi in uno studio con schermo blu in studio per dare vita ai loro omologhi dipinti in passato.

La chiusura delle grotte ne garantisce la conservazione e sta diventando una pratica accettata nonostante i siti del patrimonio vengano nascosti alla vista del pubblico.

Il sito più famoso tra tutti è quello delle grotte di Lascaux in Francia, che raffigurano dipinti 17.000 anni di animali preistorici. Le grotte sono state chiuse al pubblico nel 2008, dopo che le grotte sono state aggredite da funghi e muffa nera.

Non ci sono progetti in corso per una mossa simile a Dunhuang, ma Shaw e il suo team credono che la loro tecnologia digitale può essere la soluzione definitiva per la conservazione del sito.

 

Fonte e Foto: CNN

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo