NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 23 Settembre 2011 16:14

Le banc d’orfèvre di Ecouen da oggi su internet

Il museo del Rinascimento di Ecouen, un ricco museo a circa 20 km di Parigi, ha da poco concluso un progetto multimediale per la valorizzazione di un suo fiore all'occhiello: le banc d'orfèvre (banco dell'orafo) di Auguste de Saxe. Il progetto è consistito nella realizzazione di una serie di video che contengono diversi contenuti: una restituzione grafica in 3D dell’oggetto e documenti di diverso tipo tramite i quali è possibile conoscere la sua storia e il suo funzionamento.  
Oggetto unico nel suo genere, il banco dell'orafo è frutto dell’artigianato artistico del XVI secolo. Misura 4,40 m di lunghezza per 600 kg di peso ed è decorato con particolarissimi intarsi, parti metalliche all'acqua forte e perfezionamenti d'oro. Ma non è solo un oggetto d’arte: è allo stesso tempo una delle rare testimonianze del lavoro degli orafi, e serviva per ottenere fili metallici come oro, l'argento o meno preziosi come il ferro, il rame e l'ottone, utilizzati nell’arte dell’oreficeria.
Fu realizzato nel 1565 per il gabinetto delle curiosità del principe Auguste de Saxe a Dresda.
Il progetto ha coinvolto ingegneri, conservatori e storici delle scienze e delle tecniche e ha permesso di comprendere meglio il suo funzionamento e di rilevare un interessante capolavoro tecnologico.
Grazie alle nuove tecnologie digitali è oggi possibile vedere il banco dell'orafo all'opera grazie a dei video 3D realizzati dall'ENIM (École Nationale d'Ingénieurs de Metz). Il contenuto digitale è corredato da un approfondimento storico e artistico con numerosi documenti iconografici e video, tra i quali una descrizione dettagliata sulla decorazione ad intarsio.
In questo modo l’oggetto è stato valorizzato: tutto il contenuto digitale è disponibile al pubblico presso un terminale presente nella sala del museo che conserva il manufatto ma anche sul sito web del museo stesso.
Il sito internet è disponibile in francese, inglese e tedesco e accessibile a chiunque ne sia interessato nonché a chi si trova in situazioni di handicap motorio, auditivo e motorio.
Questo progetto è stato possibile grazie al programma "Servizi digitali culturali innovativi 2010" iniziativa del Département de la recherche et de l’enseignement  supérieur et de la technologie (DREST) del Ministère de la Culture français.
Simili progetti sono in corso in altri musei francesi come il Museo d'Arti e Mestieri di Parigi che ospita una vasta collezione di modellini di diversi macchinari tecnologi dei quali si cerca di capirne oggi il funzionamento.

Per vedere il banco dell’orafo all’opera: www.musee-renaissance.fr

(Fonte: Redazionale)

{linkr:bookmarks;size:small;text:nn;separator:+;badges:19,20,22,23,24,28}
Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo