NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 08 Ottobre 2012 09:02

Le attività Enea per la tutela dell'erosione delle coste in aree di interesse archeologico

Redazione Archeomatica

Interventi per la valorizzazione e la promozione dell'area archeologica sommersa dell'antica colonia romana di Sinuessa verranno realizzati grazie ad una collaborazione tra il Comune di Sessa Aurunca (Caserta) e un gruppo di ricercatori del Laboratorio di Chimica Ambientale del Centro di Ricerca ENEA di Portici, per l'effettuazione di studi geologici che permetteranno di svelare le cause che hanno portato al suo sprofondamento. Le rovine, visibili nelle giornate di mare limpido, si trovano sul fondale alla profondità di circa dieci metri e da tempo hanno alimentato un interessante dibattito per storici, geologi ed archeologi.


Gli studi  ENEA forniranno  elementi utili a comprendere i fenomeni che hanno portato allo sprofondamento di circa 10 metri  delle strutture portuali  risalenti al III secolo a. C, che testimoniano l'importanza dell'antico porto commerciale come via di transito per tutto il bacino del Mediterraneo. Le caratteristiche del sito di Sinuessa,  quali  la torbidità delle acque dovuta ad apporti fluviali, alle dinamiche tettoniche dei distretti vulcanici dei vicini Campi Flegrei e di Roccamonfina, rendono lo studio e  le indagini di particolare complessità, richiedendo l'integrazione di competenze e discipline diverse. Attualmente  i ricercatori ENEA stanno effettuando  una campagna di rilievi geologici ed ispezioni subacquee per la georeferenziazione  dei manufatti antropici sommersi e  delle formazioni di pregio naturalistico. Le tecnologie adoperate prevedono anche l'utilizzo di GPS di alta precisione e di strumentazione  di misura dedicata all'ambiente marino. I ricercatori dell'ENEA che hanno preso parte ai lavori sono Alfredo Trocciola, Raffaele Pica e Carmine Minopoli.

 

 

A  conclusione  degli studi,  l'ENEA  fornirà al Comune   un  modello in grado di tutelare il sito archeologico sommerso e di renderlo  fruibile al pubblico attraverso un percorso subacqueo. Questa iniziativa è in conformità con la  Convenzione del 2001 dell'UNESCO, che prevede la preservazione del patrimonio culturale sommerso nei siti di ritrovamento mediante lo sviluppo dell'archeologia subacquea. 

 

L'ENEA ha presentato queste attività nel corso del convegno "Erosione costiera in siti di interesse archeologico", che si è tenuto a Napoli il 5 e il 6 ottobre", organizzato dall'associazione Marenostrum di Archeoclub d'Italia in collaborazione con il Circolo Ufficiali della Marina, con la Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA), l'Istituto Italiano di Geologia e Ingegneria (I. I. G. I.) e il Gruppo Nazionale Ricerca Ambiente Costiero (GNRAC) e con il patrocinio dell'ENEA. Obiettivo di queste due giornate, che sono rivolte ad una platea multidisciplinare di esperti, è di mettere in evidenza la necessità di salvaguardare e proteggere le oltre 7.000 km di coste italiane dall'erosione.

 

Fonte: ENEA

www.enea.it

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo