NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 02 Novembre 2011 10:23

La porta del Paradiso restaurata

E' prevista per giugno 2012 l'esposizione definitiva della Porta del Paradiso del Ghiberti presso il Museo dell'Opera del Duomo di Firenze. La porta del Paradiso è la porta est del Battistero di San Giovani Battista e fu realizzata dal Ghiberti dal 1425 al 1452 per sostituire la porta Nord.

Raccoglie alcune storie dell'Antico Testamento. Per la sua peculiarità di essere completamente dorata fu denominata 'del Paradiso' da Michelangelo e rappresenta ancora oggi una delle opere più affascinanti dell'arte fiorentina del '400. Trasferita nel 1943 per poter rimanere indenne ai bombardamenti fu riportata nella posizione originaria nel 1948. Il 4 novembre 1966, come tante opere d'arte, fu colpita dall'alluvione di Firenze durante la quale sei dei dieci pannelli si staccarono dal telaio di sostegno.

La porta fu sostituita da una copia e l'originale fu sottoposto a restauro. Arrivò nei laboratori dell'Opificio del Pietre Dure di Firenze nel 1990 ma alcune formelle erano già in fase di restauro. I pannelli restaurati sono stati esposti negli anni nel Museo dell'Opera del Duomo  di Santa Maria del Fiore in speciali teche contenenti azoto realizzate grazie alla collaborazione con il Getty Institute for Conservation di Los Angeles.
Il 26 giugno 2012 l'opera verrà finalmente rimontata con tutti i dieci pannelli e verrà esposta presso il Museo dell'Opera.

Il grande progetto di restauro durato ventisette anni ha coinvolto diversi restauratori e scienziati decisi nel trovare le migliori soluzioni per l'intervento. Per la pulizia non sono stati sufficienti gli interventi chimici ma è stato scelto di utilizzare una moderna tecnologia, quella del laser. I ricercatori del CNR di Firenze in collaborazione con l'impresa El.En. hanno messo a punto un laser ad infrarossi totalmente non invasivo e che ha permesso la riduzione di alcune patine di degrado rispettando la luminosità originaria della doratura.

(Fonte: Redazionale)

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo