NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 12 Luglio 2012 17:22

La modellazione tridimensionale della città: applicazioni del laser scanner terrestre e della fotogrammetria

Grazia Tucci

Nelle giornate del 14 e del 26 giugno si è svolto a Prato il workshop “La modellazione tridimensionale della città: applicazioni del laser scanner terrestre e della fotogrammetria”, organizzato dalla Fondazione per la Ricerca e l’Innovazione dell’Università di Firenze, in collaborazione con il Laboratorio GeCo – Geomatica e Conservazione della stessa Università.  All’evento hanno partecipato una quarantina di professionisti (geometri, architetti, ingegneri, geologi, archeologi, …) che, nel corso della prima giornata hanno avuto modo di sperimentare in prima persona il funzionamento delle più moderne strumentazioni per il rilevamento tramite scansioni 3D e fotogrammetria digitale. 

 

Ad aprire i lavori è stata la sottoscritta prof.ssa Grazia Tucci, docente di Topografia e direttore del Laboratorio GeCo. Il prof. Giuseppe Alberto Centauro ha portato i saluti del Comune di Prato che ha consentito lo svolgimento dell’iniziativa nel Castello dell’Imperatore e nell’antistante piazza di Santa Maria delle Carceri. Sono seguiti gli interventi del prof. Marco Bellandi, Presidente della Fondazione per la Ricerca e l’Innovazione dell'Università di Firenze e Prorettore al Trasferimento tecnologico e ai rapporti con il sistema territoriale dell’Università di Firenze e del prof. Luciano Surace, Presidente della Federazione italiana delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali e Ambientali.

Moderni strumenti topografici, diversi modelli di laser scanner, sistemi di fotogrammetria terrestre e da drone sono stati utilizzati direttamente dai partecipanti, organizzati in piccoli gruppi di lavoro, grazie alla disponibilità dei tecnici delle ditte Leica Geosystems, Menci Software, Microgeo, Topcon-Sokkia. Il coordinamento delle operazioni di rilievo è stato curato dalla prof.ssa Tucci e dai ricercatori del Laboratorio GeCo da lei diretto.

Lo svolgimento del workshop non è passato inosservato ai Pratesi: il folto gruppo di lavoro ha occupato per tutta la giornata il Castello dell’Imperatore e la Piazza di Santa Maria delle Carceri, che è stata per l’occasione chiusa al traffico. 

La seconda giornata, in occasione della quale, il Comune di Prato ha ospitato i partecipanti nella Sala Consiliare, si è aperta con i saluti di Goffredo Borchi, Vice Sindaco e Assessore agli affari generali e all’ambiente e dell’ing. Rossano Rocchi, Dirigente di servizio del Comune di Prato. Le esperienze maturate in ambito accademico dal Laboratorio GeCo nel campo delle scansioni 3D sono state illustrate dall’arch. Valentina Bonora, mentre i tecnici delle ditte, alle quali si è unita anche Planetek, hanno presentato procedure e software per l’elaborazione dei dati tridimensionali rilevati.  I modelli mostrati sono costituiti da svariati milioni di punti, e costituiscono un database che descrive in modo accurato e dettagliato tutti gli spazi rilevati, e che potrà essere certamente utile per la progettazione di futuri interventi sulla zona.  

Le accattivanti visualizzazioni di modelli di punti, anche texturizzati, si sono alternate ad elaborazioni più prossime alle tradizionali rappresentazioni in pianta, prospetto e sezione, ancora indispensabili al mondo professionale e alle amministrazioni. E’ da più parti stato infatti sottolineato che un importante punto di forza delle strumentazioni utilizzate nel workshop consiste proprio nel contenimento dei tempi di lavoro, sia sul campo che in ufficio. I professionisti presenti hanno inoltre apprezzato le potenzialità comunicative legate alla tridimensionalità dei dati ed alla loro elevata risoluzione, che consentono di integrare le rappresentazioni classiche con modelli 3D, viste prospettiche, ortoimmagini. 

Il successo riscosso dal workshop ha dimostrato l’interesse del mondo professionale per un’occasione non solo formativa, ma di vero e proprio scambio e confronto tra diversi attori su uno stesso ambito di interesse: Amministrazioni Pubbliche, Università, Ditte.

In questo scenario, il workshop appena concluso si inserisce perfettamente nella filosofia di eventi promossa dalla Fondazione per la Ricerca e l’Innovazione nell’ambito del Polo regionale dell’innovazione sulla città sostenibile (POLIS), ovvero quella di approfondire una serie di aspetti legati all’uso di tecnologie e strumenti innovativi per ogni area tematica di POLIS (Mobilità, gestione dei flussi e organizzazione dei processi di trasporto; Conservazione, gestione, fruizione dei beni culturali anche in relazione alla sostenibilità dei flussi turistici; Edilizia sostenibile, nuovi materiali per l'edilizia, sistemi energetici). Gli approfondimenti sono svolti nella logica del trasferimento tecnologico delle conoscenze a favore della creazione di filiere e di reti di imprese e dello sviluppo di partnership tra quest’ultime e le Università/Centri di Ricerca da un lato e le Pubbliche Amministrazioni dall’altro.

I risultati del Workshop “La modellazione tridimensionale della città: applicazioni del laser scanner terrestre e della fotogrammetria” saranno illustrati e discussi durante l’Agorà di Polis, che si terrà nei giorni 17-18 Luglio 2012 presso il Parco Tecnologico delle Murate a Firenze. L’Agorà, oltre a costituire importante momento di riconoscimento di POLIS, attraverso la presentazione delle attività svolte per il raccordo impresa-ricerca, e occasione di riflessione su potenzialità e criticità dei soggetti aggregati, per far emergere nuove strategie di sviluppo economico e tecnologico, sarà anche occasione privilegiata per il lancio e la presentazione di un secondo workshop tematico previsto per il mese di ottobre 2012. 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo