NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 30 Novembre 2012 09:18

iPad e tablet per l’indagine multispettrale di opere d’arte

Redazione Archeomatica

cosentino2L’applicazione di iPad e tablet Android come sussidio per la diagnostica per immagini è immediata dal momento che questi dispositivi sono stati creati proprio per rendere più facile la fruizione di contenuti multimediali, come appunto le immagini multispettrali. Tali immagini, registrate mediante tecniche di indagine non invasive, durante campagne diagnostiche e studi conservativi, possono essere messi a disposizione del pubblico di una mostra o un museo. E' questo un esempio molto chiaro di come la tecnologia per il restauro e la conservazione delle opere d'arte diventano complementari alla tecnologia digitale utilizzate per la loro valorizzazione.

L’impiego di tablet è particolarmente utile  nel campo della diagnostica per immagini dove è necessario confrontare più di 10 immagini per ogni singola opera d’arte

  

L’impiego di tablet è particolarmente utile  nel campo della diagnostica per immagini dove è necessario confrontare più di 10 immagini per ogni singola opera d’arte. 

 

Ci sono diverse app gratuite per la visualizzazione di gallerie fotografiche come “immagini” per iPad con cui è possibile visualizzare le immagini multispettrali per un confronto diretto con l’opera. Tuttavia, la dimensione delle immagini sono limitate per non sovraccaricare il processore.  

Photoshop Touch, la versione di Photoshop per iPad e tablet Android, è un esempio. Tuttavia, al momento l’app permette solo di caricare immagini di dimensione massima 1024x768 pixel.

 

cosentino3

Photoshop Touch è la versione per iPad e tablet di Photoshop. Permette di navigare tra le immagini multispettrali caricate sui singoli livelli con funzioni zoom, e trasparenza. 

 

Efficiente è la gestione delle immagini su un server di rete. In questo modo si può superare il problema della memoria e delle risorse di calcolo limitate del tablet e si permette l’accesso alle immagini contemporaneamente a più utenti. 

Si utilizza in questo caso il metodo implementato ad esempio da Google Maps per la visualizzazione satellitare. Un server trasferisce sul dispositivo che ne fa richiesta (client) solo la porzione d’immagine che interessa. In questo modo il dispositivo client non è sovraccaricato e la navigazione rimane fluida e rapida. Esistono diversi servizi. Gigapan.com commercializza il sistema innovativo per fotografia panoramica che l’autore utilizza per realizzare fotografia multispettrale e riflettografica infrarossa ad alta risoluzione. L’azienda mette a disposizione gratuitamente il loro server per caricare e fruire tramite un qualsiasi browser web immagini di grandissima dimensione, anche dell’ordine del gigabyte. 

 

cosentino4

Gigapan.com offre un servizio web-server per ospitare e gestire immagini di grandi dimensioni e distribuirle con il metodo streaming tile-based.

 

Un esempio a questo link: http://www.antoninocosentino.it/multispectral%20Imaging.html.

Per utilizzare in maniera sistematica il tablet per esaminare le immagini multispettrali è allora necessario passare a un server autonomo. La soluzione migliore è IIPImage, una applicazione server gratuita e open source. IIPImage ha il vantaggio di permettere la sovrapposizione e la variazione di trasparenza tra due livelli multispettrali, così come avviene tra i livelli di Photoshop.  

Un esempio e’ disponibile qui.

 

cosentino5

 

IIPImage permette di visualizzare le immagini multispettrali sovrapposte e in trasparenza. Edvard Munch (1895), Death Bed. Fluorescenza Ultravioletta. Cortesia del Museo D’Arte di Bergen, Norvegia.

 

Il video qui di seguito riportato riassume quanto fin qui detto riguardo l’uso di dispositivi mobile nel campo della diagnostica per l’arte. 

 

Ipad and Multispectral imaging from Antonino Cosentino on Vimeo.

 

Antonino Consentino, Cultural Heritage Scientist (www.antoninocosentino.it)

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo