NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 20 Febbraio 2012 10:24

Il valore reale del bene comune e il 'Michelangelo patacca'

 A volte, la volontà di compiere azioni che rimangano memorabili, fa perdere il senso della realtà e ci porta lontano rispetto al reale valore del bene comune e della sua gestione. Forse, se è vero quanto accaduto e quanto letto sui quotidiani, bisognerebbe affidarsi di più alle tecnologie che possono supportarci in eventuali scelte difficili per capire il reale valore di un bene. 
 


Così forse, se è vero ciò che si legge, R. Cecchi, attualmente sottosegretario senza deleghe ai Beni culturali del governo Monti, che si è battuto per far comprare un presunto cristo ligneo attribuito a Michelangelo, 150 volte il suo valore reale, affidandosi alla tecnologia, che la nostra rivista cerca di divulgare, avrebbe scoperto immediatamente il suo reale valore.

Tutto ciò accadeva nel 2008 e, secondo gli esperti, l’opera era un prodotto seriale con un valore molto esiguo, tanto che la Corte dei conti ha deciso di procedere per 'danno erariale'.

Leggendo di questa triste vicenda, riflettiamo su quanto sia importante per un paese che ha il reale senso del bene comune, cercare di migliorare quelle procedure e quelle tecnologie che lo portino a non cadere in errore, qualora l'errore ci fosse.  

Siamo sempre pronti a gridare allo scandalo, ad esempio, se gli scavi di Pompei sono abbandonati e quelli di Ercolano sono in condizioni tragiche, se i musei non hanno abbastanza fondi per poter sopravvivere dignitosamente, e per molte altre tristi vicende che accadono sull'italico stivale. 
Non ci scandalizziamo abbastanza, però, quando basterebbe davvero molto poco per essere al passo con i tempi per avere la piena consapevolezza del valore del Bene Comune.

(Fonte: Redazionale)

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo