NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 15 Ottobre 2012 12:13

Il restauro di un ritratto di Hans Holbein mostra la vera identità del personaggio raffigurato

Redazione Archeomatica

hiddens hans holbeinPer secoli è stato considerato il braccio destro per tutto ciò che luccicava alla corte di Enrico VIII. Ora un importante progetto di conservazione su un ritratto di Hans Holbein il Giovane, ha rivelato un caso di scambio di identità negli ambienti reali.

Il ritratto, che è stato a lungo conosciuto come Hans di Anversa, risale al 1532 e raffigura un uomo vestito di una lussuosa pelliccia abito, mentre appoggia una penna d'oca su un foglio di carta e taglia la corda di chiusura di una lettera con un coltello.


Nel XIX secolo una lettura dell'iscrizione sulla lettera ha precedentemente portato gli storici dell'arte a credere che il modello era Hans di Anversa, un orafo di Enrico VIII e amico intimo di Holbein, ampiamente considerato uno dei pittori più grandi ritratti della storia. Ma i tentativi successivi dei paleografi per decifrare la scritta misteriosa si sono dimostrati inconcludenti, lasciando diversi interrogativi sull'identità del soggetto.

Dopo più di due anni di accurata conservazione e di ricerca, esperti della Royal Collection hanno scoperto che il soggetto è in realtà un ricco mercante tedesco che aveva sede a Steelyard a Londra, il più grande complesso commerciale della Gran Bretagna in epoca Tudor.

Si pensa sia uno dei soli sette ritratti superstiti dei mercanti di Steelyard dipinti da Holbein tra il 1532 e il 1533, ed è considerato il suo lavoro più maturo.

Il dipinto è stato registrato nella Royal Collection nel 1639, quando è stato appeso nella camera della presidenza di Carlo I a Whitehall. Recentemente è stato esposto nel salotto della Regina al Castello di Windsor.

Utilizzando la tecnologia a raggi X, i conservatori della Royal Collection hanno trovato che l'immagine aveva subito un grave incidente entro i primi 100 anni dal suo essere dipinto ed era stato diviso in tre pezzi.

Questi erano stati incollati insieme dipingendo le lacune e portando così via molti dettagli al dipinto, ivi compresa l'identità del personaggio. 

Dopo la delicata rimozione dei ritocchi e della vernice scolorita, si è visto che il bordo del sigillo si è alterato nel tempo apparendo come una "W", quando, invece, Holbein aveva inizialmente dipinto un cerchio attraversato da linee, i segni di un mercante . Lo stesso simbolo, al contrario, può essere visto anche sulla lettera nella mano dell'uomo. La parola "Hofe", che si ritiene essere parte della parola tedesca "stallhoff" che significa "steelyard" (stadera) è visibile anche nella lettera.

La conservazione ha inoltre rivelato una tovaglia verde vivace e le pareti grigie e bianche sullo sfondo. Si notano ora due anelli, invece dell'unico precedentemente visibile, che indicano la ricchezza del personaggio. Una chiave di metallo si trova ora sulla scrivania che in precedenza era invisibile poiché coperta dalla patina scura.

Gli esperti ritengono che il soggetto non è l'orafo di Enrico VIII, ma un membro tedesco con sede a Londra della Lega Anseatica, una rete di mercanti che commerciavano in tutto il nord Europa, dal XIII al XVII secolo.

Le immagini registrate in infrarosso hanno consentito ai restauratori di indagare al di sotto degli strati di vernice, rivelando per la prima volta i disegni di Holbein.

Essi mostrano che l'artista ha apportato diverse modifiche al ritratto, riducendo le dimensioni del cappello del commerciante e abbassando la posizione della sua spalla sinistra e al braccio. Holbein ha effettuato anche ultimi ritocchi alla pittura, tra le ciglia del modello e fili vaganti di capelli che ora possono essere visti grazie all'intervento di conservazione.

Lucy Whitaker, il curatore senior dei dipinti quadri alla Royal Collection, ha detto: "Per tanti anni questo lavoro era una chiazza marrone torbida, perciò è stato emozionante scoprire li dettagli persi da tempo che mettono in evidenza solo ciò che un esperto ritrattista come Holbein. riesce ad attuare.  La conservazione del dipinto ci ha portato a risolvere il mistero del personaggio raffigurato. "

Il dipinto verrà esposta in una nuova mostra, "Il Rinascimento del Nord: da Dürer a Holbein", che aprirà il mese prossimo alla Galleria della Regina in Buckingham Palace. Qui saranno esposti capolavori di artisti come il tedesco Albrecht Dürer e Lucas Cranach il Vecchio.

Fonte: The Telegraph 

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo