NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 26 Novembre 2012 18:51

Il Lazio è Open data per 12 milioni di euro

Liliana Gianni
open data2L’espressione inglese open data identifica alcune tipologie di dati accessibili e privi di restrizioni, quali brevetti e copyright, quindi fruibili, riproducibili e riutilizzabili. Open data è anche il nome di due nuovi bandi della Regione Lazio rivolti alle pubbliche amministrazioni locali (PAL) e alle piccole e medie imprese (PMI) del Lazio per lo sviluppo di progetti e servizi che utilizzino il patrimonio informativo degli enti pubblici. 

I fondi che la Regione Lazio mette a disposizione, per un totale di 12 milioni di euro, a seguito della Legge Regionale N.7 del 2012, per promuovere un modello di open government, grazie ai Fondi POR FESR Lazio 2007-2013, Asse 1.7. 
L’Open Data PAL ha come obiettivo il finanziamento di progetti degli enti locali che intendano fornire agli enti beneficiari strumenti atti a erogare servizi di e-government basati su open data e per la realizzazione e lo sviluppo di applicazioni e servizi partendo dai concetti di “dato pubblico” e “riutilizzo dell’informazione pubblica”.
L’open data rivolto alle piccole e medie imprese vuole realizzare progetti che, partendo dalle informazioni di dati.governo.it e altri siti  italiani o europei, siano finalizzati alla creazione di software e servizi capaci di valorizzare l’accesso libero ai dati: cartografia, dati anagrafici, musei aperti ecc.
La deadline per presentare le domande è il 30 giugno 2013. I bandi integrali sono consultabili sul sito dell Filas S.p.a.
 
 
 
Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo