NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 21 Settembre 2012 12:23

I raggi x rivelano il degrado del giallo di Van Gogh

Alcuni scienziati hanno recentemente fatto chiarezza sul perchè alcune parti del dipinto di Van Gogh "Fiori in un vaso blu", realizzato a Parigi nel 1887, abbia cambiato colore nel tempo: una vernice protettiva applicata dopo la morte dell'artista ha fatto diventare gli orginali fiori gialli in fiori arancioni e grigi.
L'orgine di questa alterazione è un processo di degradazione finora sconosciuto che si verifica all'interfaccia tra la pellicola pittorica e quella di vernice, che è stato rivelato per la prima volta grazie agli studi realizzati all'European Synchrotron Radiation Facility (ESRF) a Grenoble e al Deutsches Elektronen-Synchrotron (DESY) ad Amburgo.

Lo studio è stato pubblicato su "Analytical Chemistry", il primo autore è Geert Van der Snickt che per questo lavoro di ricerca ha ottenuto il titolo di dottorato in Conservazione e Restauro dall'Università di Anversa in Belgio.

 

Il team di ricerca è stato guidato da Koen Janssens di Anversa e ha compreso scienziati da Delft, il CNR francese, il Museo Kröller-Müller a Otterlo (Netherlands), e dell'ESRF e DESY.

Il giallo cadmio (solfuro di cadmio, CdS) utilizzato da Van Gogh era all'epoca un pigmento relativamente nuovo, ma si ossida con l'aria (cadmio solfato, CdSO4) facendo perdere luminosità al colore. 

Per identificare ciò che era accaduto, sono stati prelevati due campioni microscopici di vernice dalla pittura originale, questi sono stati analizzati mediante fasci di raggi X presso l'ESRF e DESY di PETRA III, rivelando la loro struttura interna e la composizione chimica all'interfaccia tra vernici e pitture. A sorpresa, non è stato trovato il solfato di cadmio che si forma nel processo di ossidazione. "E' emerso che gli anioni solfato avevano trovato un insieme di ioni di piombo di reazione idonei dalla vernice, e aveva formato anglesite", spiega lo scienziato del DESY Gerald Falkenberg. L'anglesite (PbSO4) infatti, è un composto opaco ed è stato trovato quasi ovunque in tutta la vernice. "La fonte del piombo è probabilmente un essiccante a base di piombo che era stato aggiunto alla vernice", aggiunge Falkenberg.

"All'interfaccia tra pitture e vernici, gli ioni cadmio insieme a prodotti di degradazione della stessa vernice hanno formato anche uno strato di ossalato di cadmio," dire Marine Cotte dell'ESRF. Insieme all'anglesite, l'ossalato di cadmio (CdC2O4) costituisce la crosta grigio-arancione che deturpa parti del dipinto a livello macroscopico.

Dopo questa scoperta i restauratori si sono interrogati su come affrontare il restauro dei dipinti di Van Gogh. "Questo studio sul deterioramento del giallo cadmio è un ottimo esempio di come la collaborazione tra scienziati e conservatori possa contribuire a migliorare la nostra comprensione della condizione dei dipinti di Van Gogh e portare ad una migliore conservazione delle sue opere", dice Ella Hendriks, Responsabile della Conservazione del Van Gogh Museum di Amsterdam. "Molti dei dipinti di Van Gogh del periodo francese sono stati impropriamente verniciati in passato e la rimozione di questi strati di vernice è una delle sfide che devono affrontare conservatori su una base mondiale di oggi. Il tipo di informazioni fornite da Janssens e il suo team è di vitale importanza per il lavoro dei conservatori. Spesso sono difficili le decisioni che hanno a che fare con tali trattamenti di pulizia. "

"Ancora una volta, troviamo che i dipinti di Vincent van Gogh non sono entità statiche per decenni e nei secoli a venire. In un periodo di 100 anni, possono in realtà essere abbastanza reattivi, un cocktail di sostanze chimiche che si comporta in modi inaspettato", conclude Janssens . 

Nei prossimi quattro anni, il gruppo di ricerca Janssens ha in programma di studiare come le condizioni museali e l'inquinamento dell'aria interna influenzano i pigmenti gialli a base di solfuro di cadmio. 

 (Immagine: vistai in microscopia ottica di uno dei microcampioni che mostrano la luminostià del pigmento giallo nell parte inferiore e la crosta grigio-arancione al di sopra. Credit: G.Van der Snickt, Università di Anversa)

Fonte: www.esrf.eu

Credit immagine in alto: Kröller-Müller Museum

 

Leggi la notizia relativa ad un altro studio sui gialli di Van Gogh

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo