NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 21 Marzo 2012 14:28

Analisi diagnostiche sull'Autoritratto di Leonardo mostrano l'urgenza di un restauro

Si è svolto ieri mattina, presso l'Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario (ICRCPAL) di Roma,  l'incontro dal titolo "Tecnologia e Tutela per un'opera unica al mondo: l'Autoritratto di Leonardo" durante il quale sono state presentate le analisi effettuate sul celebre Autoritratto di Leonardo.
I risultati sono stati presentati alla presenza di Antonia Pasqua Recchia, segretario generale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, di Maria Cristina Misiti, direttore dell'ICRCPAL e di Pasquale Muggeo, comandante generale dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale 
Lo scopo di tale ricerca è stato lo studio della morfologia della superficie, la mappattura delle macchie (foxing) e l'individuazione dei materiali costitutivi per conoscere maggiormente la tecnica di realizzazione dell'opera e la sua storia conservativa.


L'autoritratto di Leonardo, realizzato in sanguigna, è uno dei più famosi disegni dell'artista ed è attualmente conservato presso la Biblioteca Reale di Torino. E' stato recentemente esposto all'interno di un'esposizione a lui dedicata alla Venaria Reale dal titolo "Leonardo. Il genio, il mito". 
I risultati delle analisi scientifiche hanno portato a concludere che l'autoritratto è un "malato grave" e per questo motivo sarà sottoposto ad un'intervento di restauro il prossimo autunno proprio presso l'Istituto. Molto probabilmente il degrado è stato accelerato in passato da una cattiva esposizione dell'opera alla luce. 
Il progetto diagnostico è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra la Direzione Regionale del Piemonte per i Beni Culturali e Paesaggistici, il Politecnico di Torino, la Biblioteca Reale di Torino, il Consorzio "La Venaria Reale", la Fondazione Intesa San Paolo e l'Istituto ICRCPAL.
Per poter svolgere le analisi l'opera è stata trasportata da Torino a Roma grazie all'utilizzo di una speciale cassa ignifuga ammortizzata.
Il disegno ritornerà ad essere conservato a Torino e i prossimi 26-27 giugno verrà svolto un convegno internazionale per valutare gli interventi di restauro da attuare e discutere l'autografia sulla quale vi sono ancora alcuni dubbi.
Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo