NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 03 Novembre 2011 17:03

Al via la seconda edizione di DNA Italia

DNA ItaliaE’ partito DNA Italia, il primo market-place per il settore del patrimonio culturale italiano. Dal 3 al 5 novembre, presso il Lingotto di Torino, tre giorni ricchi di incontri ed opportunità di scambio.
ARCHEOMATICA, media partner dell’evento, partecipa con il suo direttore al Workshop organizzato dall’ENEA “UN "PATRIMONIO" DI TECNOLOGIE PER IL PATRIMONIO CULTURALE” moderando la tavola rotonda sul tema: “L’approccio scientifico e l’approccio umanistico per la conservazione e la valorizzazione del Patrimonio Culturale” che si terrà venerdì 4 alle 15,45.

DNA si propone di mettere a rete finanza, imprese, progettisti, istituzioni e associazioni che lavorano per la tutela, la valorizzazione e la messa a reddito del Patrimonio Culturale. L’Italia ha un Patrimonio inestimabile per valore, notorietà e varietà, capace di produrre sviluppo e ricchezza: i beni culturali e le molteplici attività connesse alla loro valorizzazione costituiscono una filiera complessa, che incide in maniera significativa sull’intera economia. Lo conferma lo studio realizzato dall’Istituto Guglielmo Tagliacarne (ufficio studi di Unioncamere) e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, da cui emerge che le varie attività legate al comparto producono un valore aggiunto di circa 167 miliardi di euro (12,7% del totale nazionale), assorbono 3,8 milioni di occupati (15,4% del totale nazionale) e contano – oltre agli operatori pubblici - circa 900.000 imprese. Inoltre, per ogni 100 euro di incremento del PIL nel settore culturale vengono attivati 249 euro di PIL nel sistema economico generale. Per questo motivo è nato DNA Italia: non una fiera, non un salone ma un marketplace strategico. Con un obiettivo: far nascere sinergie tra imprese, progettisti, finanza, istituzioni e associazioni che operano nel settore dei beni culturali. Alla base, la consapevolezza che il nostro patrimonio culturale sia il viatico capace di valorizzare un ampio indotto. Tre temi caratterizzano le giornate fieristiche nonché i workshop, i convegni e gli incontri b2b. Giovedì 3. Città. Tra storia e Innovazione Venerdì 4. Immobili e mobili. Riqualificazione, tutela e gestione del patrimonio Sabato 5. Paesaggio. Verde e Ambiente.
Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo