NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 17 Ottobre 2012 10:51

A Vigevano un nuovo centro di ricerca sulle tecnologie digitali per i Beni Culturali

Redazione Archeomatica

VigevanoE' stato firmato nei giorni scorsi a Torino una convenzione tra il Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio (DIST) del Politecnico di Torino e il Consorzio A.S.T. (Agenzia per lo Sviluppo Territoriale) di Vigevano, per istituire nella città un polo espositivo e un centro di ricerca. L'idea nasce dal percorso di sviluppo di nuove tecnologie per il territorio intrapreso da alcuni anni con i progetti “Leonardo e Vigevano” e “Leonardo, le acque e il riso”, 

Vigevano ospiterà quindi una Hub, un centro di ricerca e sperimentazione di tecnologie digitali per i beni culturali, che permetterà alla città di Vigevano di intraprendere un cammino con il mondo della ricerca e delle imprese tecnologiche.


Il presidente di A.S.T., Giovanni Brogin si è ritenuto soddisfatto: “La convenzione è solo il primo passo verso quell'obiettivo di diventare un importante luogo d'incontro, studio, ricerca e formazione sul tema delle tecnologie multimediali applicate alla valorizzazione dei beni culturali e del turismo. Un'opportunità importante per il nostro territorio, che si candida ad essere il punto di riferimento lombardo in questo settore”. 

Anche il Politecnico di Milano ha mostrato interesse verso le tecnologie multimediali di Vigevano. Due studentesse, con la supervisione della prof.ssa Daniela Calibi del Dipartimento di Industrial Design, delle Arti, della Comunicazione e della Moda, Indaco, hanno scelto di portare avanti la loro tesi nel territorio pavese. 

La neo dottoressa Chiara Vanini ha scelto le leggende della Lomellina come argomento centrale della sua tesi applicando nuove tecnologie: “Esplorare geografie sensibili. Le leggende come format di comunicazione per territori diffusi”. Serena Raschellà si è dedicata ai sapori tipici con particolare attenzione al riso. Titolo della sua tesi: “Ciclorama city. Format di guida ai panorami extraurbani e ai sapori tipici locali". 

 

Fonte: Mi-Lorenteggio

Immagine: Vigevano, Piazza Ducale (Wikimedia Commons, foto di idéfix) Licenza CC-BY-SA. 

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo