NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

mappe

  • 1° GIS Crowdmapping - Corso di Digital Mapping

  • Disponibile nuova versione di APS, software per gestione immagini da droni UAV

  • Guercino e Caravaggio protagonisti della prima mostra in Italia fruibile con i Google Glass

  • Il Louvre fra le aree a rischio in una mappa delle inondazioni di Parigi

  • L'Atlante vivente del Mondo di Esri

    L'Atlante geografico è stato ed è ancora uno degli strumenti per la formazione di base di tutti noi. Chi non ne ha uno in casa? In genere più sono grandi e più sono apprezzati (ma costosi) per la necessità di avere la massima risoluzione nel mostrare i dettagli di vasti territori in pochi centimetri quadrati. Quale sostituto possiamo avere oggi nell'era del digitale?

    Il Living Atlas of the World, o Atlante vivente del Mondo, è una raccolta in costante crescita di mappe, app e dati pronti e disponibili per l'uso. Reso disponibile da Esri, con contenuti forniti da migliaia di partner, organizzazioni e utenti di tutto il mondo che sono incoraggiati a esplorare questi dati e combinarli con i propri dati e contenuti per creare mappe e applicazioni ed eseguire le analisi più disparate.

     Dire che il contenuto disponibile tramite l'Atlante vivente è vasto sarebbe probabilmente un eufemismo. I temi dei dati variano ampiamente e includono argomenti come meteo, traffico, censimento, trasporti, economia, terremoti, ambiente e molto altro! Non solo sono disponibili livelli di dati, ma gli utenti possono anche accedere a mappe di base (raster e vettoriali), immagini satellitari e scene 3D.


    La maggior parte delle mappe può essere utilizzata senza accedere, ma per quelle più interessanti è necessario un account ArcGIS Online.

    Gran parte dei dati presenti nell'Atlante vivente (oltre 10.000 elementi) viene regolarmente aggiornato e sono disponibili feed di dati sovrapposti a mappe di base, in tempo reale che forniscono informazioni costantemente aggiornate (dati meteorologici, flussi, uragani, terremoti). disponibili gratuitamente (senza abbonamento). Ma soprattutto, l'Atlante continua a crescere, con dati e mappe aggiunti ogni giorno.

    Recenti rilasci riguardano ad esempio una Map of Biodiversity Importance (MoBI) pubblicata da NatureServe e rilasciata nell'Atlante per tutti. Questa mappa utilizza output dei modelli di idoneità dell'habitat per 2.216 delle specie più in pericolo negli Stati Uniti.

    Oppure il recente e vasto Places in Vector Basemaps, ove il livello "Luoghi" mostra le posizioni di ristoranti, negozi, attività commerciali e altri POI simbolizzati per categoria, con circa più di 100 categorie.

    I dati sono disponibili nell'Atlante vivente in diversi modi tra cui mappe di base, immagini, livelli di dati in una serie di temi tra cui confini, dati sulla popolazione (censimento, economia, salute, istruzione), infrastruttura (trasporti, servizi pubblici) e prodotti di dati ambientali. Quelle che seguono sono alcune delle cose più belle che si trovano nel Living Atlas:

    Potenziale rischio per la fauna selvatica: questo servizio cartografico mostra le aree all'interno degli Stati Uniti continentali che presentano livelli diversi di potenziale di incendio, classificati in cinque classi di WHP (molto bassa - molto alta) e due classi non di WHP (non combustibile e acqua).

    Servizi di traffico mondiale: questo servizio di mappe presenta informazioni sul traffico storiche e quasi in tempo reale per diverse regioni del mondo. I dati vengono aggiornati ogni 5 minuti.

    Mappa di base dell'oceano: questa mappa è progettata per essere utilizzata come mappa di base dai professionisti del GIS marino e come mappa di riferimento per chiunque sia interessato ai dati sugli oceani.

    World hillshade: questo strato ritrae l'elevazione come una sfumatura artistica. La mappa è progettata per essere utilizzata come sfondo per mappe topografiche, del suolo, idroelettriche, terrestri o di altre mappe ricreative all'aperto.

    Dati delle stazioni meteo e dei venti: creato dai dati orari della stazione METAR forniti dal NOAA, questo strato contiene circa 11 variabili meteorologiche per ciascuna posizione.

    Dashboard Corona Virus: uno dei più recenti prodotti aggiunti all'Atlante, questo layer di funzionalità contiene i casi Covid19 più aggiornati e l'ultimo diagramma delle tendenze. Copre la Cina (a livello di provincia), gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia (a livello di città) e il resto del mondo (a livello di paese).

    OpenStreetMap: sì, anche i dati OSM sono disponibili!

    Chiunque può contribuire. Contribuire all'Atlante vivente è facile e aperto a tutti inserendo i metadati informativi direttamente in una scheda online che assegna dei punti in funzione delle risposte e dà anche suggerimenti. Dopo aver esaminato i suggerimenti, la pubblicazione è pronta se si raggiunge un punteggio minimo di 80.

    Nel video sopra si può vedere una presentazione dell'Atlante effettuata in occasione della Conferenza Utenti Esri mondiale del 2018.

    Anche quest'anno la Conferenza Esri tratterà gli avanzamenti dell'Atlante vivente nell'ambito di una Conferenza mondiale virtuale che sarà trasmessa in tutto il mondo i giorni 14, 15 e 16 luglio. Purtroppo per il fuso orario sarà disponibile di notte, ma la Esri Italia propone un commento in uno studio televisivo appositamente allestito nelle mattine successive.

    Da non perdere: Speciale Esri User Conference - Interconnecting Our World

     

  • La mappa dei 21 nuovi siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO

  • Mappare l'antica Roma

    Le posizioni di migliaia di iscrizioni latine storiche che sono state trovate in tutto ciò che fu un tempo l'impero romano possono essere viste all'EDCS - Map Imperium Romanum. Questa mappa utilizza il database epigrafico Clauss-Slaby per mostrare dove sono state originariamente trovate centinaia di migliaia di iscrizioni in latino. La mappa è una mappa piuttosto accurata dell'estensione dell'impero romano al suo apice intorno al 117 A.D.

  • Un'app per il Museo Etrusco di Chiusi

  • Undicimila biblioteche sulle mappe TomTom

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo