NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

La qualità dei dati è senza precedenti ed è perfetta per coprire la più ampia gamma di applicazioni, dal dragaggio all'archeologia, dalla geologia alle ispezioni di manufatti, fino alle operazioni di soccorso in mare, con una ricaduta positiva anche per i tempi di elaborazione. 

Pubblicato in Documentazione

L’innovazione tecnologica che si è sviluppata in questi ultimi dieci anni ha giocato, e sta giocando, un ruolo fondamentale nell’ambito della promozione, disseminazione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Pubblicato in Documentazione

Una panoramica sui principali progetti avviati in questi ultimi dieci anni per la tutela, conservazione, restauro, fruizione e valorizzazione del patrimonio sommerso.

Pubblicato in Documentazione

La Soprintendenza del Mare in Kenya per una Missione archeologica in collaborazione con i musei nazionali del paese africano.

Pubblicato in Documentazione

L'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR), in collaborazione con i partner del progetto europeo BLUEMED, organizza un workshop dedicato alla conservazione e valorizzazione dei parchi archeologici sommersi, che si svolgerà nella splendida cornice della Scuola Archeologica di Atene e la villa romana sommersa di Epidauro.

Pubblicato in Eventi

Concorso di idee per la realizzazione dell'immagine coordinata del progetto MUSAS - Musei di archeologia subacquea -Tutela valorizzazione e messa in rete del patrimonio archeologico subacqueo (Campania-Calabria-Puglia). 

Pubblicato in Lavoro

È una tecnologia italiana unica al mondo che permetterà di svelare i misteri degli abissi, esplorare il relitto di una nave romana sommersa nella profondità del mare, stando comodamente seduti in poltrona, immergersi realmente nelle acque e muoversi agilmente con il proprio 'tablet' fra i misteri di una città sepolta da tempi immemorabili.

Pubblicato in Documentazione

I droni acquatici, galleggianti o subacquei, sono un settore in rapida evoluzione in cui l'Italia è all'avanguardia, con progetti di ricerca innovativi e nuovi poli industriali specializzati. L'interesse per questi mezzi è in aumento perché sono in grado di dare un importante contributo, a basso costo e in zone critiche  – tutte quelle di difficile o impossibile accesso alle persone e agli operatori – in operazioni di ricerca e salvataggio di mezzi e persone, monitoraggio della salute delle acque e dell'ambiente, attività idrografiche, archeologia marina e molte altre ancora.

Pubblicato in Eventi

È un drone subacqueo quello impiegato per la ricerca del “Galeone” di Pesaro, nave di fine ‘700 ancora sommersa in 3,50 metri di profondità a circa 150 metri dalla spiaggia nelle vicinanze della Palla di Pomodoro.

Pubblicato in Documentazione

Sono ora disponibili on-line le due linee guida realizzate nell’ambito del progetto europeo SASMAP Tools and Techniques to Survey, Assess, Stabilise, Monitor and Preserve Underwater Archaeological Sites di cui l’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro è stato partner.

Pubblicato in Eventi
Pagina 1 di 8

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo