Prosegue l'attività di controllo per la conservazione degli Affreschi della Cappella degli Scrovegni

Stampa

A Padova, dal 9 al 14 novembre 2015 si è svolta la settimana dedicata alle attività di controllo per la conservazione e manutenzione degli affreschi di Giotto nella Cappella degli Scrovegni.

Il risultato di queste indagini è positivo: la restauratrice Valentina Piovan, che ha collaborato con l'ISCR, ha dichiarato che la polverosità è diminuita ulteriormente rispetto al precedente esame. In particolare è quasi assente sulle superfici verticali e in minima quantità sugli aggetti orizzontali, "un risultato forse dovuto alle piccole ma costanti azioni di miglioramento effettuate negli anni precedenti, quali la sostituzione dei tappeti, il controllo e il restauro delle vetrate, l’eliminazione della ghiaia sui viali di accesso".

"Quest’anno - si legge sul sito dell'ISCR - in occasione della settimana di manutenzione, hanno inoltre preso avvio le prime indagini non invasive previste nell’ambito del progetto Metodologie integrate per lo studio di edifici storici affrescati: il caso della Cappella Scrovegni a Padova finanziato dall’Ateneo di Padova e  coordinato da Rita Deiana del Dipartimento dei Beni Culturali: archeologia, storia dell’arte, del cinema e della musica della stessa Università. Il progetto di durata biennale, in collaborazione con l’ISCR e con il Comune di Padova, sotto la supervisione delle diverse Soprintendenze venete, ha lo scopo di  cercare di far luce sulle vicende costruttive dell’edificio in relazione all’Arena, contribuendo ad aumentare il grado di conoscenza sul manufatto e sulle trasformazioni che lo hanno interessato nel corso dei secoli".

Durante l'intervento di manutenzione è stata eseguita una leggera spolveratura di tutte le superfici e limitate operazioni di consolidamento degli intonaci ma non degli strati pittorici.
Inoltre sono stati realizzati delle misure colorimetriche su alcune aree campione in studio dal 2001 per eseguire un confronto tra le misure eseguite negli anni, e una documentazione grafica e fotografica degli affreschi.

 

Fonte: ISCR

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI