NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

Una delegazione toscana per i beni culturali del Vietnam

citadel HueQuello vietnamita pare un mercato in espansione con tante opportunità di sviluppo per aziende impegnate nel settore moda, vino, sanità e dei beni culturali. “C'è interesse, ci sono spazi commerciali e reciproci potrebbero essere i vantaggi” ha dichiarato l'assessore alla presidenza della Regione, Vittorio Bugli, che ha guidato nel paese del Sud Est asiatico una delegazione toscana alla quale partecipano Confindustria, ventiquattro aziende vinicole ed altri quindici piccole e medie imprese di vari settori.

Firmata la convenzione tra ENEA e la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei per interventi nella Villa dei Misteri

villa misteri eneaLa Villa dei Misteri situata nell’area archeologica di Pompei Scavi è famosa nel mondo per gli affreschi presenti al suo interno, che attraggono ogni giorno un elevato flusso di visitatori, anche se purtroppo attualmente l’edificio è parzialmente chiuso al pubblico, in seguito al crollo di una trave lignea avvenuto lo scorso anno. Attualmente la Villa ha delle coperture realizzate in cemento armato, legno o acciaio, che risalgono al secondo dopoguerra, che necessitano di verifiche di sicurezza.

Iperion per il monitoraggio dei beni culturali

pompei foroNasce dal CNR di Firenze la tecnologia "Iperion" definita un "occhio elettronico" che sorveglierà le mura di Pompei e sarà capace di dare allarme sui possibili cedimenti strutturali. Il nuovo sistema di controllo è stato sviluppato da Luca Pezzati, fisico del Cnr di Firenze. '

'Il sensore - spiega Riccardo Pozzo, direttore del CNR - Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale - è pensato per sorvegliare un artefatto, che sia un muro antico, una chiesa o un'opera dentro una vetrina, mandando una diagnosi continuamente aggiornata all'ente competente''.

Tubus System per la conservazione dei Beni Culturali

tubus scalone danneggiatotubus palazzo danneggiatoNegli interventi di restauro e recupero del patrimonio è fondamentale riuscire a trovare un equilibrio tra il ripristino o l'adeguamento e la conservazione dell’esistente cercando ove possibile di limitare o circoscrivere tutte quelle operazioni che per necessità sono invasive o distruttive soprattutto quando ci si trova ad operare in edifici caratterizzati da una importante operatività come quella del museo Bagatti Valsecchi.

Da un workshop universitario nuove possibilità di protezione dei siti archeologici

elyplast agrigentoLa Valle dei Templi di Agrigento, uno dei luoghi archeologici più famosi al mondo, meta turistica tra le più richieste: gli studi e gli scavi in questa prestigiosa area, che testimonia l’antico splendore della Magna Grecia, proseguono costantemente, alla ricerca di nuovi tesori. Venti studenti di architettura, provenienti dall’Università di Tokio, dal Politecnico di Milano e dall’ateneo palermitano, sono stati impegnati, dal 27 ottobre al 2 novembre, in un workshop dedicato alla sperimentazione di nuove tipologie di coperture per la protezione degli scavi, tra i siti archeologici del Santuario Lupestre, gli Scavi del Decumano e le aree del Tempio di Esculapio. Advisor scientifico del workshop l’architetto di fama mondiale Kengo Kuma. Ognuno dei gruppi partecipanti ha progettato e realizzato in situ una struttura temporanea in grado di proteggere parti del sito e delle sue rovine. Le strutture progettate dovevano essere modulari e flessibili, così da potersi adattare a differenti tipi di condizioni.

CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo