Indagine sulle infrastrutture di ricerca nei beni culturali

Stampa

restauro-adorazione-magi-opdIl Garr - la Rete Italiana dell’Università e della Ricerca e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, ha aperto un'indagine per censire le infrastrutture di ricerca nel campo dei beni culturali: archivi digitali, banche dati territoriali, sistemi georeferenziati, mediateche, che abbiano rilevanza regionale, nazionale o internazionale o in avanzato stato di realizzazione nel nostro Paese.

"L’idea è quella di mappare le iniziative in atto nel settore del patrimonio culturale, identificando sinergie a livello italiano e internazionale, con particolare riferimento al contesto di Horizon2020, il nuovo Programma del sistema di finanziamento integrato destinato alle attività di ricerca della Commissione europea. I risultati del survey saranno presentati a Roma il 10 e 11 Novembre 2014 in occasione del workshop e-IRG (e-Infrastructure Reflection Group) e della conferenza internazionale “Infrastrutture di ricerca e Infrastrutture digitali per il patrimonio culturale” organizzata dal Mibact il 13 e 14 Novembre 2014 a Roma alla Biblioteca Nazionale Centrale in occasione del semestre italiano alla Presidenza europea. ll Mibact, infatti, sostiene lo sviluppo di una e-infrastruttura dedicata ai beni culturali e alle scienze umane in grado di rispondere alle esigenze delle comunità scientifiche, puntando al posizionamento del settore nel nuovo modello di ricerca globale multidisciplinare che si sta sviluppando grazie alla e-Science, per confrontarsi con le emergenti sfide sociali e economiche della Unione Europea".

Il questionario è on-line a questo link d è attivo fino al 4 novembre; per rispondere sono necessari circa quindici minuti; per informazioni o chiarimenti sulla compilazione è attivo il numero 06 4962 2000.

 

Fonte: MiBACT

Foto: Restauro dell'Adorazione dei Magi di Leonardo, Opificio delle Pietre Dure di Firenze, Foto di ino Zicarelli

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI