Un museo virtuale per riscoprire la chiesa di San Giovanni Evangelista in Ravenna

Stampa

san-giovanni-evangelista-ravennaIl progetto, "La storia che cela la storia. Un museo virtuale per riscoprire la chiesa di San Giovanni Evangelista in Ravenna", si propone come obiettivo principale la raccolta delle conoscenze – storiche, artistiche, fotografiche, archivistiche, bibliografiche, musicali e archeologiche – riguardanti l’edificio e le molteplici modificazioni strutturali subite in quasi sedici secoli di esistenza.


I risultati di questa articolata ricerca, mostrati anche grazie a tecniche di elaborazione digitale, sono stati organizzati secondo una linea temporale che si dipana dalla lontana fondazione placidiana fino ai giorni nostri.
Nell’ambito del continuo mutamento a cui certamente l’edificio è andato incontro, si è inteso fissare i momenti più significativi e certi in cui gli eventi storici o geologici hanno imposto importanti variazioni alla struttura o all’apparato decorativo della chiesa.
Un punto rilevante del progetto riguarda l’utilizzo diffuso delle moderne tecnologie di visualizzazione tridimensionale, tramite le quali si sono potute visualizzare le diverse ipotesi (ri)costruttive sull’impianto architettonico e decorativo basilicale elaborate dagli studiosi nel corso dei molti decenni in cui la chiesa di San Giovanni Evangelista è stata oggetto d’indagine.
Nascendo dall’idea di generare un grande contenitore permanente di informazioni,il progetto non si è limitato alla realizzazione della mostra.
La totalità dei risultati degli studi interdisciplinari condotti da docenti e ricercatori del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna.
In qualsiasi momento, da postazione fissa o tramite dispositivi mobili quali tablet, è possibile accedere alle informazioni prodotte e arricchire la propria esperienza di visita alla basilica.

Per l'occasione a Ravenna verrà aperta una mostra il 4 giugno 2014.

Evento su Facebook

Sito web: http://patrimonioculturale.unibo.it/sge/

 

Fonte: Redazionale

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI