Nuovi spazi e tecnologie per il Museo della Canonica di Novara

Stampa

musei-canonica-novaraVenerdì 28 marzo 2014 è prevista l'inaugurazione delle nuove sale dei Musei della Canonica di Novara (Sala Capitolare e Archivio di Santa Maria dei Canonici). Il nuovo allestimento presenta caratteristiche tecnologiche grazie all'impiego di tecnologie multimediali ed interattive e di realtà aumentata. L'iniziativa è svolta all'interno del progetto ARCHICAL grazie alla Comunità Europea, Regione Piemonte, Fondazione Cariplo, Fondazione della Comunità del novarese e Provincia di Novara.

 

 

"Il nuovo spazio museale è dedicato ai documenti e ai codici. Il vescovo di Novara mons. Franco Giulio Brambilla ha sottolineato, con il curatore museale Paolo Monticelli, le unicità della raccolta: una pergamena del 729, la Carta Supplicationis, che è una delle più antiche. Ma soprattutto il nostro museo è in possesso di una bolla, unica esistente, del 1264 con la quale veniva istituita la festa del Corpus Domini (recuperata in una soffitta della casa parrocchiale di Bognanco)."

Una visita virtuale permette di “visitare” l’Archivio musicale, la Biblioteca capitolare e l’Archivio capitolare.

Il costo dell’intervento è di 390 mila euro, un impegno sostenuto grazie al sostegno dell’Unione europea, della Regione Piemonte, di Fondazione Cariplo, della Fondazione Comunità Novarese, della Fondazione Crt, della Fondazione Bpn, del gruppo Comoli Ferrari e di Igor Gorgonzola.

I lavori rappresentano il terzo lotto del percorso museale della Canonica: nel ’99 venne inaugurato il Museo lapidario e nel 2006 il museo del Tesoro del Duomo.

 

Fonte: Il Venerdì di Tribuna

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI