NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Borse di ricerca per i 50 anni dall'alluvione di Firenze

E’ bandito un concorso per soli titoli, per l’assegnazione di quattro Borse di ricerca finanziate dal Cerafri-Lav s.c.r.l. con il contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze per le attività di ricerca del Comitato Firenze 2016 che ha come scopo la realizzazione di progetti a carattere scientifico, museale e di comunicazione in occasione del cinquantennale dell’alluvione di Firenze.

Ciascuna borsa della durata di 10 mesi è pari a 12.500,00 (dodicimilacinquecento) Euro lordi

Le quattro BORSE sono finalizzate alla partecipazione ai seguenti progetti di ricerca da realizzare presso gli Enti indicati:

- Ricerca archivistica - documentale sulle alluvioni di Firenze e della Toscana e organizzazione dei contenuti in un portale. Struttura ospitante: Biblioteca Umanistica dell’Università degli Studi di Firenze in collaborazione con la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

- Ricostruzione di storie orali sull’alluvione di Firenze del 1966 e sulle trasformazioni del centro storico della città. Valorizzazione della ricerca attraverso percorsi didattici che coinvolgano scuole secondarie fiorentine. Struttura ospitante: Archivio Storico del Comune di Firenze;

- Censimento di testi, documenti, video e immagini sul patrimonio artistico colpito dall’alluvione del 1966. Struttura ospitante: Polo Museale Regionale.

Ricostruzione delle dinamiche di sviluppo nel settore del restauro dei beni culturali a seguito dell’alluvione di Firenze del 1966. Struttura ospitante: Opificio delle Pietre Dure.

Le sedi effettive di svolgimento del lavoro di ricerca saranno indicate dai rispettivi enti ospitanti che rientreranno tutte nel Comune di Firenze.

 

Scarica il bando 

 

Fonte: Opificio delle Pietre Dure

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo