NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 18 Novembre 2015 18:04

Bando di concorso per l'intervento di analisi e conservazione di un opera d'arte mediante l'utilizzo di tecnologie digitali

Open Care e la fondazione madrilena Factum Foundation, dedicata allo sviluppo e all’utilizzo di tecnologie di registrazione digitale, promuovono la prima edizione del Bando Lucida, per la conservazione di un’opera d’arte tramite l’utilizzo di tecnologie 3D.

Il concorso si propone di restituire un’opera d’arte alla fruizione pubblica sostenendo un progetto integrato di analisi e conservazione, grazie all’ausilio dello scanner 3D Lucida di nuova generazione, specifico per la digitalizzazione non invasiva delle superfici materiche.

Il bando è aperto a opere su tela o su tavola di qualsiasi epoca e di riconosciuto valore artistico, che necessitino di un intervento conservativo o manutentivo. Le dimensioni non dovranno eccedere 150x200 centimetri.

Il regolamento completo per la partecipazione alla gara e tutti i documenti sono pubblicato su questo sito alla sezione dedicata, e su quello di Factum Foundation, a partire dal 17 novembre 2015 e si avrà tempo fino al 29 febbraio 2016 per presentare le candidature. La comunicazione all’ente vincitore avverrà il prossimo 31 marzo.

Saranno ammessi a partecipare musei e fondazioni artistiche - anche private o religiose, purché non di derivazione bancaria - secondo la definizione dell’ICOM - International Council of Museums, che abbiano sede nelle regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia,Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Veneto.

La selezione dell’ente vincitore sarà effettuata da un comitato scientifico indipendente, composto da Giorgio Bonsanti - già soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure e Ordinario di Storia e tecnica del restauro all’Università di Torino e Firenze, dallo scrittore e saggista Francesco M. Cataluccio e da


Serena Romano, professore ordinario di storia dell’arte medievale dell’Università di Losanna.
Dopo il trasporto dalla sede di conservazione presso i laboratori di Open Care a Milano, l’opera selezionata sarà oggetto di approfondite indagini diagnostiche e di un intervento conservativo mirato. Al termine, Open Care e Factum Foundation organizzeranno una presentazione volta a divulgare i risultati del lavoro svolto.

Vai alla pagina dedicata

Per maggiori informazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel. 02 73981

 

Fonte: OpenCare

 

Ultima modifica il Mercoledì, 18 Novembre 2015 18:14

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo