NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

Human and Climate Change in Northern Italy

In Archeofoss 2020, Filippo Brandolini and Francesco Carrer presented a new FLOS-based interdisciplinary approach to see the transition from Roman into the Medieval Period (abstract in https://zenodo.org/record/4002961#.YHgzlOgzaUk). This article shows how using QGIS, GRASS GIS and R is allowed the development of a solid statistical assessment of human interaction with alluvial environments and archaeological landscape.

The future volume of the conference ARCHEOFOSS 2020 will include an article on climate change during the Roman and Medieval periods. Geopedological data and archaeological sources are used to assess the role of alluvial geomorphology for Late-Holocene settlement strategies, putting it into practice in a case study of the Po Valley.

This study investigates how alluvial geomorphology and agricultural suitability influenced settlement patterns in the Roman and Medieval periods, and whether pre-existing Roman occupation attracted Medieval sites.

The best way to produce an interesting result is to evaluate if the selected inhomogeneous model describes the spatial variability of a point process more accurately than a stationary model.

This project used FLOS tools and complex algorithms to investigate past landscapes on different scales. It allowed calculations of different variability between settlements and the characteristics of the area in the relationship to infrastructures to determine the different ways of occupying and exploiting the territory between the two periods.

To learn more about this project: https://www.youtube.com/watch?v=OPt3XURTP0g.
Soon there will be news about ARCHEOFOSS 2021: https://www.facebook.com/archeofoss


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/34u3

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo