FROM THE LEGACY DATA DIGITIZATION TO THE SEMANTIC WEB  

Stampa

Nicola Laneri, Rodolfo Brancato, Salvatore Cristofaro, Marianna Figuera, Marianna Nicolosi Asmundo, Daniele Francesco Santamaria and Daria Spampinato presented a work in Archeofoss 2020 on data management of museum collections using the specific case-study of the Libertini Collection kept at the Museum of Archaeology of the University of Catania (abstract in https://zenodo.org/record/4002961#.YHgzlOgzaUk).

The aim of the project is to define forms of long-term preservation of digital data associated with sites and objects of cultural interest, using Linked Open Data paradigm and Web Ontology Language.

The focus is the digitization of the archaeological collection of the Museum of Archaeology of the University of Catania by using innovative models of data entry, in order to encourage not only new research by specialists, but also the discovery and interpretation of cultural heritage by a wider audience.

All the finds will be made available and reusable online in an open and connected format following the spirit of a public, shared and participatory archeology.

The project aims not only at reconstructing the history of the G. Libertini collection, but also at transforming it into a digital dimension through the processing, recovery and republication of the available legacy data.

It’s possible to review this presentation on YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=OPt3XURTP0g or https://www.youtube.com/watch?v=bgkLcKsKtOA

Follow us on our social network!


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI