NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Caravaggio nel Museo di Carpineto Romano

Caravaggio di Carpineto Nel 1968 fu rinvenuto un quadro con S. Francesco, inchiodato su una parete della chiesa di San Pietro Apostolo di Carpineto Romano, cittadina sui monti Lepini e città natale di papa Leone XIII, la cui fortuna critica sarà connessa alla sua identità iconografica al S.Francesco in meditazione, proveniente dal complesso di S. Maria della Concezione a Roma, conservato presso la Galleria Nazionale di Arte antica, a Palazzo Barberini. Di autenticità indiscussa, l’autografia caravaggesca del dipinto dalla Chiesa dei Cappuccini, scaturiva dalla critica del Novecento largamente accolta, quasi un esempio di metodo d’indagine.
Il quadro di Carpineto, ritenuto una copia di Caravaggio, allargava lo spettro di autenticità ai copisti e agli imitatori, e perfino ne scalzava il primato. Le radiografie evidenziarono pentimenti sulla tela e da Maurizio Marini ne venne rilevato come il teschio era tenuto nella mano dal Santo, mentre prima lo avvolgeva, inoltre, in corso d’opera, il cappuccio era stato smussato dall’artista, poiché in origine il quadro era destinato ai Francescani, che portano un cappuccio appuntito, e inoltre ne vennero analizzate tracce di malachite e di cinabro sul naso e sulle orecchie del Santo, peculiarità del colore di Caravaggio.

L’opera, di proprietà del Fondo edifici di culto del Ministero degli Interni, con gli studi intrapresi, venne rimossa dalla Chiesa di S. Pietro e in seguito trasferita, come la precedente, a Palazzo Barberini, nella convinzione che Carpineto non avesse una sede idonea alla sua valorizzazione. Carpineto ha attivato una serie di misure per riaccogliere l’opera, restaurando Palazzo Aldobrandini ed allestendo al suo interno un’apposita sala.

Radar e l’Archeologia



Un gruppo di archeologi austriaci lavora da 35 anni per studiare la capitale egiziana della stirpe nomade Hyksos ossia “i sovrani dei Paesi stranieri” che governò dal 1664 al 1569 a.C, dopo essere discesa in Egitto ed è notizia pubblicata ieri da Eva Perasso del Corriere della Sera che si è potuto fare un grande salto avanti nelle ricerche grazie all’utilizzo di un radar.

La missione archeologica ha localizzato alcuni resti di questa città nei pressi del villaggio di Tell El-Dab'a, nella regione nord orientale del delta del Nilo grazie all’utilizzo di un radar che ha consentito di “leggere” meglio la struttura urbanistica di Avaris identificando il tessuto urbano con le vie, le costruzioni, le abitazioni e i templi.

Author Guidelines

Author Guidelines

 

Proposal
Manuscript are to be sent in digital format using registration by the link OJS (Open Journal System):

http://www.mediageo.it/ojs/index.php/archeomatica/information/authors

here the review and editorial process will be visible for the author. 

 

Manuscript

We accept following lenghts:
- main articles : 20.000 characters (spaces included);
- reports: 4.000 - 12.000 characters (spaces included);
- products: 2.000 - 4.000 characters (spaces included).

Accepted file formats are ODF (Open Document Format), DOC (Microsoft Word) or RTF (Rich Text Format).

Images

Each article needs at least 5-6 images in high resolution for printing, of which at least one in Very High Resolution if proposed for the Issue Cover.


Title
Usually 40 - 110 characters (spaces included).


Undertitle
About 350-450 characters (spaces included).


Bibliography

We accept the Harvardian system 

 

Abstract in english and italian

It is required an abstract in english and Italian language of 600-750 characters (spaces included).

Keywords
4-5 key words needed for indexing.

 

 

Norme per Autori

Presentazione della proposta

I contributi vanno trasmessi in formato digitale utilizzando la registrazione al link OJS (Open Journal System) della rivista al seguente indirizzo:

http://www.mediageo.it/ojs/index.php/archeomatica/information/authors

ove si entrerà immediatamente nel processo di accettazione della proposta che verrà in modalità automatica spedita al review e successivamente, se positivo, all'editor per l'assegnazione al volume disponibile.

In casi del tutto eccezionali o solo per problematiche di accesso al sito la proposta editorale può essere inviata per posta elettronica al seguente indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Norme Redazionali

Le norme redazionali sono disponibili al link:

http://www.mediageo.it/ojs/index.php/archeomatica/about/submissions#authorGuidelines


In English language here: Author Guidelines

Ringraziamento iscrizione newsletter


 

Gentile Utente

Ti ringraziamo per aver visitato il nostro sito e per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Ti ricordiamo che i tuoi suggerimenti e/o osservazioni sono molto preziosi per il nostro lavoro.
Li attendiamo con piacere.

Ti ricordiamo inoltre che puoi seguirci anche su:

- Twitter: Archeomatica (@archeomatica) | Twitter

- Facebook: Archeomatica | Facebook

Buona giornata

Lo staff di Archeomatica

 

 

 

 

 

 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo