Una piattaforma multimediale per lo sviluppo turistico di Catania

Stampa

catania sant agataE' stato presentato venerdì 12 luglio a Catania il progetto della città per il Pon Smart Cities. Hanno presenziato l’assessore regionale ai Beni Culturali Mariarita Sgarlata e il sindaco Enzo Bianco. Lo scopo del progetto è realizzare una piattaforma multimediale dedicata allo sviluppo turistico in un'ottica di sviluppo sostenibile del territorio. Il progetto europeo Smart Cities nasce dal Pon 2007-2013 e prevede per Catania la valorizzazione dei Beni culturali, archeologici, naturalistici di città attraverso le nuove tecnologie ICT quali piattaforme multimediali per una conoscenza della città e dei suoi monumenti a più livelli. 

Il progetto è stato finanziato con 20 milioni di euro e verrà concluso nel 2015; si prevedono anche 20 borse di studio da destinare a giovani ricercatori e la realizzazione di un museo multimediale sul patrimonio culturale di Catania. Il lavoro realizzato verrà dato in gestione al Comune perché sia un valore aggiunto di opportunità e sviluppo turistico e di marketing territoriale per l’intera collettività.

Il progetto è affidato alla società Engineering Ingegneria Informatica che lavorerà in collaborazione con l’Università del Salento e il Cnr Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Catania. Al progetto hanno aderito anche i comuni di Lecce e Centuripe (En), il Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, il Museo archeologico regionale Paolo Orsi di Siracusa.

Sono intervenuti anche Daniele Malfitana, direttore dell’Istituto per i Beni archeologici e monumentali del Consiglio nazionale delle ricerche, Alberto Melloni direttore Fondazione per le Scienze Religiose, Silvia Boi della Engineering Ingegneria Informatica, il sindaco di Centuripe Antonino Biondi, e i rappresentanti del Museo Regionale Paolo Orsi e del Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento.

 

Fonte: Sicilianews24

Foto: Cattedrale di Sant'Agata, Catania (Wikipedia)

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI