Un intergruppo parlamentare su Cultura e Sviluppo

Stampa

 

In seguito al Convegno "Il Patrimonio Culturale Digitale verso Horizon 2020” tenutosi l'8 ottobre scorso a Roma, presso l'Istituto Luigi Sturzo, organizzato da AICI - Associazione Istituzioni Culturali Italiane, CNR Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale, EMA - European Museum Accademy, Fondazione Luigi Micheletti, Istituto Luigi Sturzo è stato costituito l'Intergruppo parlamentare “Cultura e Sviluppo” al quale hanno aderito circa 60 parlamentari.

 

L'incontro è stato diviso in due sessioni. La prima, al mattino, per sottolineare le scelte del Parlamento e del Governo in merito alla centralità della cultura per la ripresa del Paese. La seconda, nel pomeriggio, con le organizzazioni nazionali ed europee attive nel settore, per condividere l’elaborazione di una road map operativa in vista della nuova programmazione della ricerca europea Horizon 2020 nel settore.

L’iniziativa è stata promossa dalle istituzioni culturali aderenti all’Associazione Istituzioni di Cultura Italiane che intendono riportare la cultura, la ricerca e l’innovazione al centro dell’agenda di governo.

 

Per alimentare la discussione sui temi trattati l'8 ottobre, è stato aperta una consultazione on line sulla base del documento di riflessioni distribuito ai partecipanti durante l’incontro dell’8 ottobre, e scaricabile all'indirizzo del Forum: http://flaviapiccolinardelli.it/horizon2020/.

Attualmente la discussione, cui è possibile accedere registrandosi, è stata focalizzata su tre topic, suscettibili di essere integrati sulla base della discussione stessa nonché dagli esiti dei lavori dell’intergruppo parlamentare sopra richiamato.

 

Fonte: Redazionale

Foto: Rilievo di Piazza dei Miracoli a Pisa (Progetto CyArk500)

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI