PSIonline, in rete i papiri della società italiana

Stampa

berenice PSI IX1092rGiovedì 3 ottobre 2013 alle 15.00 sarà ufficialmente presentato il progetto PSI on line (Progetto di digitalizzazione, schedatura e pubblicazione on-line dei Papiri della Società Italiana) curato dalla Biblioteca, Università di Cassino, Istituto Papirologico G. Vitelli di Firenze, Accademia fiorentina di papirologia, con la collaborazione del Museo Egizio del Cairo.

La Laurenziana è l’unica biblioteca italiana, accanto a poche altre al mondo quali la Biblioteca Nazionale di Vienna, la Bodleian Library di Oxford, alla British Library di Londra, che conserva tra i suoi fondi manoscritti, una raccolta di papiri greci e latini, di estremo interesse.  Si possono ricordare la Chioma di Berenice di Callimaco (foto), l’ostrakon contenente i resti di un’ode di Saffo, (ancora più eccezionale se si tiene conto del fragilissimo supporto che ce l’ha trasmessa dal II secolo a.C), testi di poesia, Pindaro, Eschilo, Menandro, Bacchilide, di prosa Senofonte, Tucidide, Demostene, la traduzione dei Settanta o i resti del Protovangelo di Giacomo o gli Atti del martirio di S. Cristina, e le centinaia e centinaia di documenti, lettere, contratti, ricevute, petizioni, rendiconti amministrativi pubblici e privati.

Si troveranno in rete all’indirizzo www.psi-online.it, accessibile anche dalla home-page del sito web della Biblioteca www.bmlonline.it - accanto alla Teca Digitale dei manoscritti del fondo antico dei Plutei e di parte di altri fondi - tutti i PSI, sia quelli qui fisicamente conservati in Laurenziana, sia quelli conservati all’Istituto Papirologico Vitelli e al Museo Egizio del Cairo.

La collezione sarà così ricostruita virtualmente, con le fotografie digitali di tutti i papiri, accompagnati da schede descrittive accurate ed esaurienti, con la possibilità di intrecciare e integrare un’enorme quantità di dati.

Oltre agli interventi dei rappresentanti delle Istituzioni coinvolte nel progetto, il prof. Guglielmo Cavallo parlerà de “Il contributo delle collezioni papirologiche fiorentine alla conoscenza dei libri e delle scritture greche antiche.

 

Fonte: MiBAC

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI