Progetto loveitaly: crowdfunding Scavando nell'Antica Roma

Stampa

Dal 1986 l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" conduce uno scavo alle pendici del Palatino sotto la direzione di Clementina Panella, sino a poco tempo fa professore ordinario di Metodologie della ricerca archeologica a "La Sapienza".

Il primo scavo, cominciato nel 1986 e protrattosi sino al 2003, è stato incentrato sui resti della Meta Sudans, monumentale fontana risalente all'età dei Flavii - posta nei pressi del Colosseo - abbattuta nel 1936. Invece, il secondo scavo svoltosi in quest'area, condotto sempre dal Dipartimento di Scienze dell'Antichità, ha interessato il tratto della pendice del Palatino a fianco delle sostruzioni della cosiddetta Vigna Barberini; iniziato nel 2001 è tutt'ora in corso.

L'università degli Studi di Roma "La Sapienza", mediante una iniziativa di crowdfunding promossa su loveitaly , è ora alla ricerca di fondi per condurre al massimo delle potenzialità il secondo cantiere del Palatino. Il progetto, denominato "Scavando nell'Antica Roma. Valle del Colosseo e pendici del Palatino" o "Excavating Anciente Rome", si pone l'obiettivo di raggiungere una quota di ca. 90.000 euro per permettere la ricerca e lo scavo con materiali e tecnologie di ultima generazione, col fine di scoprire nuovi dati che permetteranno di far luce sul passato dell'Antica Roma. Per contribuire è possibile visitare la pagina del progetto su loveitaly. Sino a ora è stata raggiunta la quota di ca. 10.000 euro.

Loveitaly è un progetto dedicato alla ricerca di fondi da destinare ai Beni Cutlturali al quale chiunque può contribuire. Tale progetto vuole dar voce ad un movimento internazionale per portare il patrimonio culturale nel cuore di tutti, rendendo i partecipanti all'iniziativa soggetti attivi nella protezione e valorizzazione di un patrimonio che appartiene all'umanità.

Fonte: Redazionale

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI